Nick Overton, giocatore professionista di Fortnite che ha guadagnato più di 500 mila dollari grazie al Battle Royale di Epic Games, ha recentemente concesso un'intervista alla rubrica Midday Movers di Yahoo Finance raccontando cosa si prova a essere un atleta di eSport, parlando della sua giornata tipo e dei motivi che lo hanno spinto a diventare un professionista.

Nell'intervista, Overton svela come un regalo di natale lo abbia portato a essere l'atleta di eSport che è oggi. "Divenne presto il suo più grande rimpianto", spiega il 27enne riferendosi al padre, che all'età di 6 anni gli regalò un N64. Il giovane infatti cominciò a utilizzarlo talmente tanto che il padre dovette requisire tutte le sue console, spiegandogli che se voleva continuare a giocare doveva trovare un modo per trasformare questa passione in denaro.

Ma com'è essere uno streamer e un giocatore di eSport? "La maggior parte delle persone è abituata ad andare a lavoro e a ricevere una paga", spiega Overton, è semplice. "Con lo streaming e YouTube, invece, tutto è molto più complicato". Il ragazzo si riferisce al sistema di network che caratterizza entrambe le piattaforme, con YouTube che trae una percentuale dei ricavi dei contenuti prima di devolverli al network, che a sua volta decurta la sua parte prima di trasferirla al creatore di contenuti.

Nick_Overton_ImMarksman_YouTube

"Con Twitch, invece, le tue entrate provengono di solito dalle persone che ti stanno guardando. Donano 2 o 3 dollari, si iscrivono, un po' come il classico abbonamento alle riviste. Twitch fa pagare per queste iscrizioni, circa 5 dollari. Il creatore ottiene una percentuale di questa somma."

E giocando a Fortnite, "ci sono molte più cose coinvolte di quello che la gente pensa". Ad esempio, in una giornata di 24 ore "cinque di queste vengono spese in media per lo streaming, due o tre per la registrazione e il montaggio dei video, e il resto se ne va in allenamento."

E in tutto questo, per Overton è tuttora molto strando quando "i fan mi fermano per chiedere una foto, o quando vogliono un autografo. È strano, essere riconosciuti anche al di fuori della community dei giocatori."

Che ne pensate delle parole di Nick Overton?

Riguardo l'autore

Gianluca Musso

Gianluca Musso

Redattore

Si è appassionato ai videogiochi grazie al capolavoro Monkey Island, oggi massacra NPC nei GDR Bethesda. Qualcosa dev'essere andato storto!

Altri articoli da Gianluca Musso