Le reazioni a Diablo Immortal sono fuori controllo: una petizione per cancellarlo supera le 33.000 firme

Isteria.

Reagire in maniera negativa all'annuncio di un gioco è più che legittimo e lo sono anche le critiche ma quanto sta accadendo con Diablo Immortal sfiora l'isteria di massa.

I fan sono scettici a priori e in questo non c'è nulla di nuovo o di particolarmente strano ma le accuse che stanno piovendo sul groppone a Blizzard nonostante le ultime dichiarazioni della compagnia lasciano sotto molti aspetti basiti. Blizzard ha più volte confermato che questo capitolo per mobile non ha alcun impatto sullo sviluppo di altri progetti tra cui ovviamente Diablo 4. Parte della community rimane però sul piede di guerra e apre una petizione che sta avendo un certo seguito.

La petizione per chiedere la cancellazione di Diablo Immortal ha agevolmente superato le 33.000 firme, segno che l'odio per un progetto che chi ha provato con mano (date un'occhiata alla nostra prova) reputa tutto sommato interessante è alle stelle.

1

Le motivazioni dietro alla petizione sono piuttosto chiare e spiegate nella frase che la accompagna:

"Blizzard non tiene più alla propria community. Questo è un oltraggio e uno sputo sul viso della community di Diablo. Firma questa petizione per dimostrare alla compagnia quanto siamo delusi!"

Sicuramente la petizione non avrà alcun effetto ma questa reazione a voler essere buoni scomposta fa quanto meno riflettere.

Vai ai commenti (64)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Borderlands su Nintendo Switch? Il direttore creativo di Gearbox non lo esclude

Un altra grande serie potrebbe arrivare sulla console ibrida della grande N.

Come è nata la Night City di Cyberpunk 2077? Ce lo spiega CD Projekt RED

Marthe Jonkers, Concept Art Coordinator dello studio, rivela il processo creativo dietro la città che fa da sfondo al gioco.

Articoli correlati...

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

In Cyberpunk 2077 i genitali saranno determinati dal tipo di corpo scelto

E gli altri personaggi si rivolgeranno a V chiamandolo per nome.

In Cyberpunk 2077 affronteremo 4 diverse tipologie di quest, ecco i dettagli

Ce ne parla il senior quest designer, Philipp Weber.

ArticoloGamescom 2019: Wasteland 3 - prova

Nel nevoso Colorado post-apocalittico di inXile Entertainment.

Commenti (64)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza