Quest'oggi EA ha presentato la Squad Battle di Ghali per FUT 19.

Ghali scende in campo con FIFA 19 e schiera la sua Squad Battle, la speciale selezione di giocatori che potrà essere sfidata online dai videogiocatori di tutto il mondo per un periodo limitato.

La modalità Squad Battles di FUT 19 permette di sfidare squadre create dalla community di FUT e ogni settimana una rosa speciale creata da una celebrità. Disponibile dal lunedì alla domenica sera di ogni settimana, la modalità Squad Battles permette di scalare una classifica settimanale e ottenere premi in gioco.

Vi ricordiamo che la selezione dei giocatori scelti dal rapper sarà sfidabile online fino a domenica 25 novembre, mentre a questo indirizzo potete vedere la presentazione della sua squadra.

FUT19_FSB_Ghali_16x9_IT__2_

Tra i titolari della Squad Battle di Ghali ci sono i grandi nomi del calcio mondiale, a partire da Manuel Neuer, uno dei portieri più quotati sul panorama internazionale. Leonardo Bonucci e Marcelo sono schierati in difesa a fianco di David Alaba e Thiago Silva, quest'ultimo scelto per le sue stagioni in rossonero, ricordo ancora vivo per il rapper milanista.

I videogiocatori avranno l'occasione di confrontarsi con un centrocampo stellare formato da giocatori del calibro di Luka Modrić, Paul Pogba e Ronaldinho, l'Icona di FUT 19 che in campo riesce sempre a portare la magia. Per il reparto offensivo Ghali ha scelto di puntare sulla velocità di Mbappé, mentre si è affidato a Eden Hazard per le giocate più imprevedibili. Protagonista leggendario dell'attacco è Ronaldo Nazário de Lima, il Fenomeno e Icona FUT che non può mancare nella sua squadra ideale.

In panchina Jan Oblak, David Alaba, Valencia, Arturo Vidal e Zlatan Ibrahimović e Paulo Dybala.

Cosa ne pensate dell'arrivo di Ghali?

Riguardo l'autore

Stefan Tiron

Stefan Tiron

Redattore

Studente universitario a tempo pieno, scrittore a tempo vuoto. Svezzato a PS1 e Final Fantasy, adora il genere degli RPG e di riflesso il fantasy in ogni sua forma e dimensione.

Altri articoli da Stefan Tiron