Sega avrebbe chiesto a Bill Gates di supportare i giochi Dreamcast su Xbox

Ma Microsoft rifiutò.

I primi anni 2000 erano un periodo interessante per i videogiochi. Xbox ha debuttato sul mercato, c'era PlayStation 2 e il Nintendo GameCube.

Ma poi c'è stato il Dreamcast, l'ultima incursione di Sega in campo hardware, prima che alla fine si convertisse alla pubblicazione di giochi di terze parti. Per un po 'di tempo, il sistema è stato perfetto per molti fan, con una serie di titoli esclusivi, così come il supporto online tramite il servizio SegaNet. In seguito però la console è svanita con la stessa rapidità con cui è arrivata. Ora emerge una storia interessante che ci parla di come Sega aveva in realtà in mente qualcosa di diverso per il Dreamcast.

Come segnala Comicbook, stando a quanto comparso su Reddit, Sega si sarebbe rivolta a Microsoft nel tentativo di mantenere vivo il Dreamcast.

La storia rende noto che il presidente di Sega Isao Okawa avrebbe contattato diverse volte Gates dopo che la produzione del Dreamcast era stata interrotta, con una richiesta molto semplice. Sperava che Xbox potesse essere modificata, fisicamente o con qualche tipo di aggiornamento, per giocare ai giochi Dreamcast in modo che i fan potessero continuare a giocare online, come ad esempio con Phantasy Star Online.

xbox_1145305

Poteva essere un'idea e, all'epoca, Sega avrebbe potuto facilmente dare una spinta a Xbox contro PlayStation 2 e GameCube e avrebbe aggiunto un nuovo pubblico. Inoltre, Microsoft avrebbe potuto stipulare un accordo per ottenere dei profitti dai giochi Dreamcast venduti, forse generando abbastanza interesse per farne di nuovi.

Purtroppo le cose non andarono a buon fine. Secondo la storia, Gates rifiutò. Sega non ha commentato la questione, e considerando che questo sarebbe successo circa due decenni fa, difficilmente potrebbero arrivare commenti ufficiali sulla vicenda.

Che ne pensate?

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

RaccomandatoHunt: Showdown - recensione

Caccia grossa nel selvaggio West!

Apple Arcade è ora disponibile per i beta tester iOS 13: ecco i giochi in arrivo questa settimana

Sayonara Wild Hearts, Cat Quest 2, Exit the Gungeon e molti altri.

Death Stranding è una metafora per Trump, l'America e l'Europa

"Tutti sono connessi grazie a internet ma tutti sono frammentati".

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza