"Penso che Death Stranding uscirà a inizio 2019"

Parola di Norman Reedus.

In attesa che Hideo Kojima riveli ufficialmente una finestra di lancio o ci mostri in dettaglio il gameplay di Death Stranding, alcune informazioni decisamente molto interessanti potrebbero arrivarci da Norman Reedus, attore che interpreta il protagonista del titolo annunciato in esclusiva per PS4.

Come segnalato su Reddit, Reedus ha parlato del titolo all'interno di una recente puntata del podcast di Dan Fogler e qui di seguito potete dare un'occhiata ai passaggi più interessanti della discussione:

Fogler: Parlami di questo gioco.

Reedus: Death Stranding?

Fogler: Sì.

Reedus: Oh è pazzesco.

Fogler: Mi hai mostrato un trailer e mi ha lasciato a bocca aperta amico. Ovviamente è tutto motion capture.

Reedus: Sì, è così.

Fogler: Ti piace fare questo genere di cose?

Reedus: Non l'ho mai fatto nel modo in cui lo faccio per questo gioco, questo è ad un altro livello, ho fatto parte di molti giochi ma nessuno come questo. Guillermo Del Toro mi ha appena scritto. Lui, Hideo e io avremmo dovuto realizzare un gioco diverso ma quel progetto crollò perché il rapporto tra Hideo e la compagnia con cui lavorava andò in pezzi. Erano Kojima e Konami, si sono divisi e Sony ha iniziato questo progetto con Hideo. Guillermo continuava a ripetermi che avrei dovuto partecipare al gioco mentre io gli chiedevo cosa fosse. Poi incontrai Hideo, mi portò ai The Game Awards. Lui scendeva da questi gradini che si illuminavano al suo passaggio ed era come se dicesse "sono tornato!" e poi 10.000 uomini, degli adulti, hanno iniziato a commuoversi, a urlare come se fosse entrato Elvis. E io mi chiedevo chi diavolo fosse questo tipo. Lo vedi come un genio poi ci parli e ti convinci che effettivamente lo sia. Lo vedrei bene come regista anche nel mondo del cinema perché è molto aperto e a qualsiasi cosa proponi aggiunge solamente alcuni piccoli ingredienti extra che non fanno che migliorare il tutto.

1

Fogler: Wow, sembra una persona alla Willy Wonka della Fabbrica di Cioccolato.

Reedus: Sì, il suo modo di spiegare le cose, il modo in cui la sua mente funziona, è sicuramente un vero genio.

Fogler: Puoi parlare del tema del gioco? Qual è la storia o che tipo di personaggio impersoni? Puoi parlare di qualcosa di questo tipo?

Reedus: Non è il tipo di gioco in cui uccidi tutti quelli che si trovano nella stanza. È un gioco che si concentra sull'unire le persone. Il modo in cui lo giochi consiste nel costruire ponti da un punto all'altro, altre persone stanno facendo la stessa cosa e ti connetti. Il personaggio che interpreto ha questa fobia dell'essere toccato e mentre giochi la fobia ti abbandona. È complicato ma una volta all'interno del gioco non lo è così tanto. Ti sorprende costantemente con decisioni in ogni luogo e con ciò che ti trovi di fronte, è un gioco davvero coraggioso. Visivamente è sbalorditivo e la storia alle spalle è di livello superiore. Non è semplice ma la filosofia che la supporta è del tipo che ogni persona può comprendere.

Fogler: Quando uscirà? È ancora in sviluppo?

Reedus: Credo che sarà disponibile a inizio prossimo anno, ho ancora tre sessioni di mocap qui a New York che iniziano la prossima settimana.

Cosa pensate delle dichiarazioni di Norman Reedus, dei dettagli rivelati sul gioco e della finestra di lancio accennata? Death Stranding potrebbe davvero uscire nei primi mesi del 2019?

Vai ai commenti (5)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Deep Down è diventato un'esclusiva PS5?

L'ambizioso gioco di Capcom potrebbe arrivare direttamente sulla next-gen di Sony.

Un nuovo BioShock è in sviluppo nel nuovo studio di 2K, Cloud Chamber

Finalmente la conferma del ritorno di una grandissima IP.

Death Stranding 2 all'orizzonte? Arrivano nuovi indizi dal volto di Heartman

Spunta un misterioso tweet dal regista Nicolas Winding Refn.

Commenti (5)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza