Uno degli annunci più grandi e più sorprendenti dei The Game Awards 2018 è stato Mortal Kombat 11, il nuovo capitolo della lunga serie di giochi di combattimento. Dopo l'annuncio del gioco, è stato inviato un comunicato stampa che ha divulgato nuove informazioni su una delle caratteristiche più importanti del titolo: il suo Sistema di variazione dei personaggi personalizzato.

Come riporta Dualshockers, questo sistema sembra essere la naturale evoluzione di quanto fatto con Mortal Kombat X. Secondo gli sviluppatori, Mortal Kombat 11 consente ai giocatori di creare le proprie versioni personalizzate di ogni personaggio con attacchi e mosse speciali. Questa è sicuramente un'aggiunta interessante per il gioco e che potrebbe avere un impatto notevole sulla scena competitiva nel caso in cui vengano consentiti personaggi personalizzati.

Otteniamo anche la conferma che Mortal Kombat 11 sarà giocabile durante l'evento di rivelazione per la community il 17 gennaio e che NeatherRealm ospiterà un keynote prima di iniziare. Ed Boon, direttore creativo di NetherRealm Studios, ha parlato di questo nuovo sistema:

"È emozionante annunciare finalmente Mortal Kombat 11 e mostrare a cosa sta lavorando il team. Il nostro Custom Character Variation System offre una quantità infinita di opzioni per i giocatori per personalizzare i loro combattenti preferiti".

Il presidente di Warner Bros. Interactive Entertainment, David Haddad, ha aggiunto:

"Dando ai giocatori un maggiore controllo creativo, Mortal Kombat 11 è una testimonianza del perché questa iconica serie sia così forte e sempre più rilevante dopo oltre 25 anni. Questo gioco mette in mostra il talento di NetherRealm Studios nell'innovare e creare esperienze epiche per i fan di Mortal Kombat e per i nuovi giocatori."

Mortal Kombat 11 uscirà per PC, PS4, Xbox One e Nintendo Switch il 23 aprile 2016.

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Altri articoli da Matteo Zibbo