Reggie Fils-Aime spiega perché l'E3 è ancora un evento molto importante per Nintendo

La manifestazione di Los Angeles rimane "un'opportunità eccezionale" per la grande N.

Mentre Sony ha già annunciato che salterà l'E3 per la prima volta in 24 anni, Nintendo ha confermato che continuerà a partecipare e ha definito lo show "un'opportunità eccezionale" per fare nuovi annunci.

In seguito ai The Game Awards della scorsa settimana, IGN ha avuto l'occasione di parlare con il presidente di Nintendo of America, Reggie Fils-Aime, del perché esattamente l'E3 sia ancora una priorità per Nintendo.

"L'E3 è l'occasione per il mondo di scoprire cosa c'è di nuovo per il mondo dei videogiochi come intrattenimento. E durante questo periodo, generiamo più impegno di ... se si tratti di CES o Comic-Con o di altri grandi eventi di intrattenimento", ha dichiarato Fils-Aime. "Le persone si sintonizzano per scoprire le novità e per avere le prime esperienze giocabili per il nostro settore. Ecco perché l'E3 è importante per Nintendo."

Tuttavia, Fils-Aime ha sottolineato che il semplice fatto di presentarsi non è abbastanza, e che Nintendo ha cambiato il suo approccio ogni anno per presentare i giochi in evidenza.

H2x1_NintendoLogo_Red

"Per noi è un'opportunità molto efficace per consegnare il nostro messaggio. La nostra mentalità è di innovare costantemente ciò che facciamo e il modo in cui comunichiamo all'E3", ha affermato. "Innoviamo il modo in cui forniamo il nostro messaggio. L'E3 in generale continua a innovare e continua ad essere l'opportunità principale per guidare il coinvolgimento dei consumatori. Ecco perché partecipiamo. È importante per noi".

Per quanto riguarda quello che Nintendo mostra durante l'evento, Fils-Aime ha detto che si tratta di un gioco di equilibrio tra i titoli che verranno lanciati presto e quelli che sono più lontani. Spesso i secondi sono usati per rassicurare i fan che sono in arrivo esperienze più tradizionali, come il Pokemon RPG accanto all'annuncio di Pokemon: Let's Go.

"In generale, ci piace parlare di giochi più vicini. Tipicamente, ad esempio, all'E3 ci concentriamo sui contenuti che potrebbero estendersi fino al primo o al secondo trimestre successivo all'evento. Questo è il nostro orizzonte".

"Forse possiamo avere due esperienze all'interno di un particolare franchise, e sappiamo che potrebbe essere una rappresentazione non tradizionale di quel franchise. Quindi è importante per noi rassicurare che la rappresentazione più tradizionale di quel franchise sta arrivando. "Fan, non ti preoccupare, ma ecco qualcosa di diverso nel frattempo." Ecco come ci avviciniamo alla comunicazione con i nostri consumatori. Vogliamo essere vicini per non far perdere interesse".

Che ne pensate?

Vai ai commenti (8)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

ArticoloGamescom 2019: Marvel's Avengers - prova

In occasione della Gamescom abbiamo potuto provare il titolo per la prima volta.

ArticoloGamescom 2019: Trials of Mana - prova

Certi eroi sembrano proprio non voler andare in pensione

Erica - recensione

Povera, piccola farfalla

ArticoloGamescom 2019: Project x Cloud - prova

Abbiamo testato il servizio di cloud gaming di Microsoft!

Articoli correlati...

Dragon Quest XI S: grazie a una simpatica opzione gli NPC diranno delle bugie

Una trovata bizzarra che aggiungerà del pepe all'avventura del Lucente.

In Death Stranding viaggeremo attraverso varie aree degli USA

L' appuntamento con la Gamescom ha svelato ulteriori dettagli sulla nuova opera di Kojima.

Commenti (8)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza