Nello strano mondo di Fallout 76 i giocatori sperano nel ritorno di un bug

Il particolare caso della quest "Feed the People".

Come abbiamo più volte sottolineato anche su queste pagine, Fallout 76 è un titolo sicuramente caratterizzato da diverse problematiche tra cui ovviamente una buona dose di bug tipicamente made in Bethesda. Il rapporto tra i giocatori e i bug è però piuttosto particolare e, dopo le cartoline create da alcuni utenti, vi segnaliamo un'altra storia sicuramente curiosa.

Quando un bug viene eliminato solitamente la community è soddisfatta del lavoro degli sviluppatori e del supporto dimostrato a un certo titolo. Come riportato da Eurogamer.net diversi giocatori di Fallout 76 invece sperano che Bethesda reintroduca un bug recentemente eliminato da una delle ultimissime patch.

Il bug in questione è legato alla quest Feed the People, una quest che spunta nella zona limitrofa a Mama Dolce's Food Processing e che richiede di raccogliere degli ingredienti, attivare un macchinario per la realizzazione di cibo e poi difendere tre console dei controlli da alcune ondate di nemici. Alcuni allarmi segnaleranno la necessità attivare una scatola dei fusibili mentre si continua a combattere fino a quando non termina una sorta di conto alla rovescia.

Si tratta di una quest piuttosto basilare che però garantiva una ricompensa particolare e molto apprezzata da tutta la community per la capacità di avere un effetto globale sul mondo di gioco (almeno a livello di server): quando un giocatore la completa tutti gli utenti del server ricevono dello stufato di carne in scatola. La sorpresa risiede nel fatto che questo tipo di ricompensa non era una bella scelta di Bethesda ma un bug che è stato rimosso dalla patch di ieri.

Diversi giocatori hanno reagito con un mix di confusione e delusione dando vita a un dibattito piuttosto seguito su Reddit. Molti appassionati di Fallout 76 vedevano in Feed the People un tipo di quest da prendere come esempio e da migliorare ulteriormente, un evento in grado di avere un effetto più ampio che veniva particolarmente apprezzata proprio per questo motivo e per la sensazione di mondo condiviso che garantiva.

Eccolo qui quindi: lo strano caso in cui i giocatori apprezzano un bug e ne richiedono a gran voce il ritorno piuttosto che la rimozione. I bug danno, i bug tolgono.

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Bloodborne 2? Hidetaka Miyazaki dice la sua sul sequel estremamente atteso

Alla scoperta della nascita del primo capitolo e delle sue influenze.

The Walking Dead: Saints & Sinners unisce zombie e realtà virtuale

Dettagli e data di uscita di un progetto da tenere d'occhio.

Code Vein - recensione

Il Dark Souls in salsa anime è servito... e vi stupirà!

Code Vein vuole il vostro sangue per una copia gratuita del gioco

Bandai Namco con una bella e simpatica iniziativa.

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza