Attorno al fenomeno videoludico del momento si è sviluppata un'economia parallela che ha davvero dell'incredibile.

Hacker giovanissimi guadagnano migliaia di sterline alla settimana come parte di una rete di hacking mondiale costruita proprio attorno al famosissimo videogioco Fortnite.

Secondo un'inchiesta della BBC, questi ragazzi si occupano del furto degli account di gioco degli utenti, e della loro rivendita online all'interno del mercato nero.

_104883382_befcb9af_ef16_4e26_988e_1cd09f493880

Fortnite è un gioco dalla popolarità indiscussa proprio perché è gratuito giocarci, ma le stime parlano di 1 miliardo di sterline di fatturato solo tramite la vendite delle skin, ovvero la possibilità di poter cambiare l'aspetto del nostro alter ego digitale. La nascita di un mercato nero parallelo è stata dunque inevitabile.

Gli account rubati e rivenduti possono far guadagnare ai giovani hacker dalle 25 alle centinaia sterline, a seconda di ciò che contengono. Attualmente Fortnite conta oltre 200 milioni di giocatori, ed Epic ha commentato tutto ciò dichiarando di essere già al lavoro per migliorare la sicurezza degli account.

Cosa ne pensate di questo fenomeno?

Riguardo l'autore

Stefan Tiron

Stefan Tiron

Redattore

Studente universitario a tempo pieno, scrittore a tempo vuoto. Svezzato a PS1 e Final Fantasy, adora il genere degli RPG e di riflesso il fantasy in ogni sua forma e dimensione.

Altri articoli da Stefan Tiron