Assassin's Creed Odyssey: L'Eredità della Prima Lama - ep.2 Eredità Oscura - recensione

Nel mezzo del cammin di nostra vita.

Puntuale come un orologio svizzero ecco arrivare il secondo episodio dell'arco narrativo dell'Eredità della Prima Lama. Per chi non lo sapesse si tratta della prima serie di contenuti scaricabili pensati per Assassin's Creed Odyssey, una nuova storia creata per raccontare l'origine di una delle armi più iconiche dell'intero panorama dei videogiochi: la lama celata.

Ne L'Eredità Oscura il giocatore sarà nuovamente impegnato ad aiutare Natakas/Neema e Darius nella loro lotta contro l'Ordine. Questa volta l'obiettivo sarà quello di liberare l'Acaia dal giogo di Tempesta, un nuovo formidabile avversario che ha messo sotto assedio il principale porto della regione. Eredità Oscura, come era facilmente prevedibile, comincerà esattamente alla fine di Preda, il primo episodio che abbiamo recensito qualche settimana fa.

Anche in questo caso non sarà possibile cominciare questa nuova avventura in qualunque momento dell'epopea di Alexios e Kassandra. Occorrerà, infatti, avere un salvataggio a cavallo tra gli eventi di Naxos nel settimo capitolo e l'epilogo del capitolo dieci, oltre che aver raggiunto almeno il livello 23. E, ovviamente, aver completato Preda, il primo episodio.

Darius
Darius continua ad essere una figura misteriosa ed enigmatica, nonostante sveli lentamente un lato più umano.

Continuando a snocciolare un po' di numeri, assieme a questo DLC arriverà un aggiornamento gratuito che consentirà a tutti di raggiungere il livello 70, di accedere a un photo mode 2.0, di poter contare su di un nuovo livello di Mastery, oltre che nuovi Mercenari e Navi epiche, nuovi punti per il viaggio rapido, contratti giornalieri e tanti altri piccoli aggiustamenti pensati per venire incontro alle esigenze dei fan e rendere l'esperienza più godibile.

Oltre a queste cose le novità saranno davvero risicate, com'era largamente preventivabile visto la scomoda posizione che l'Eredità Oscura ha all'interno di questo trilogia. Questo secondo episodio, infatti, fatica a ritagliarsi un suo spazio schiacciato com'è tra il debutto e l'epilogo. Il suo ruolo è quello di apparecchiare le vicende per rendere il più epica possibile la conclusione di questo arco narrativo.

Questo non vuol dire che l'Eredità Oscura non sia piacevole da giocare o non riservi qualche colpo di scena, ma inevitabilmente rimanda tutte le risposte a Stirpe, l'episodio conclusivo. Tra una battaglia navale e un efferato omicidio impareremo a conoscere meglio Darius, il primo utilizzatore della lama celata, oltre che ad ammirare la sua abilità nel nascondersi tra la folla e utilizzare la sua arma da polso. Ma approfondiremo anche e soprattutto la conoscenza di suo/a figlio/a Natakas/Neema. Sarà, infatti, questo personaggio a farci da spalla per tutte le quattro ore di avventura, condividendo con noi le gioie e i dolori della lotta contro l'Ordine.

Missioni
Le missioni offerte all'interno di Eredità Perduta non stupiscono per originalità, ma sono comunque ben strutturate.

A questo proposito una menzione d'onore va fatta per Tempesta, la temibile avversaria di questo capitolo. Nel giro di poche ore riesce a dimostrarsi un personaggio più sfaccettato del previsto, regalando anche qualche sorpresa capace di renderla un antagonista quantomeno valido. Le sue apparizioni sono sporadiche, ma sono comunque in grado di definirne il carattere e rendere piuttosto atteso il confronto faccia a faccia.

Questo denota il lodevole tentativo da parte di Ubisoft Singapore di rendere l'Eredità Oscura piacevole da giocare, nonostante dal punto di vista ludico questo contenuto scaricabile non offra nulla di memorabile. Tutte le missioni o le attività presenti, infatti, sono varianti di quanto già visto nel vasto repertorio di Odyssey.

I veterani non non troveranno missioni particolarmente originali, ma semplicemente una piacevole variante di quanto già visto in passato. Sarà quindi la storia, coi suoi rimandi alla serie, ma soprattutto con la promessa di svelare alcuni dei segreti più reconditi di Assassin's Creed, a giustificare questo ritorno nella Grecia Antica.

Navi
Grazie a questo DLC si potranno mettere le mani su interessanti “pezzi” di equipaggiamento.

Un ritorno comodo e rassicurante, senza grossi sussulti, ma con qualche piacevole conferma, in attesa di scoprire -si spera- il segreto delle lame celate. E magari di indossarle in Stirpe.

7 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Luca Forte

Luca Forte

Redattore

Luca si divide tra la gestione del ruspante VG247.it e l'infestare Eurogamer con i suoi giudizi sui giochi sportivi, Civilization, Fire Emblem, Persona e Football Manager. Inviato d'assalto, si diverte a rovinare le anteprime video dei concorrenti di tutto il mondo in modo da fare sembrare le sue più belle.

Contenuti correlati o recenti

Marvel Ultimate Alliance 3: The Black Order - recensione

Un super-minestrone da gustare in compagnia

The Mighty Quest for Epic Loot - recensione

Ritorniamo nel mondo coloratissimo di Opulencia con un frenetico Action RPG per mobile.

God Eater 3 - recensione

La caccia agli Aragami è di nuovo portatile!

Defector - recensione

Le spie voltano gabbana, anche in VR.

Articoli correlati...

God of War senza Kratos? Cory Barlog rivela che stava per succedere

Il gioco avrebbe potuto prendere una piega completamente diversa.

Diablo 4 arriverà nel 2020?

Emergono nuovi rumor sull'attesissimo nuovo capitolo della serie.

RaccomandatoJudgment - recensione

Yakuza Studio torna alle origini.

Sony Santa Monica al lavoro su God of War 2?

Secondo alcuni annunci di lavoro sembrerebbe di si.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza