Dopo le discussioni e le controversie legate al Team of the Year torniamo a parlare di FUT (FIFA Ultimate Team), componente sempre più importante all'interno della serie calcistica di EA e ovviamente fondamentale anche per FIFA 19. Questa volta a far discutere è un'altra iniziativa della compagnia.

Le FUT Future Stars costituiscono la "lista definitiva delle promesse future per il 2019. Questi talenti sono pronti a esplodere del tutto nel corso di questa stagione. In Future Stars facciamo un salto in avanti verso ciò che questi giovani potrebbero diventare nel caso in cui dovessero esprimere a pieno il proprio potenziale. Una squadra di 21 Future Stars verrà condivisa all'interno dei pacchetti per un periodo di tempo limitato e saranno dotate di statistiche potenziate per aiutarli a competere con i migliori elementi di FUT".

Quella che vi abbiamo proposto è la descrizione ufficiale condivisa da EA al lancio dell'iniziativa, un'iniziativa che come detto fa già discutere. Al di là delle possibilità di trovare queste carte all'interno dei pacchetti (ovvero il 2%), ciò che fa discutere è il valore di alcuni giocatori a confronto con dei mostri sacri del calcio e la sensazione che la mancanza di realismo di FUT abbia superato ormai ogni limite.

Come segnalato anche dai colleghi di Eurogamer.net, basta prendere come esempio un paio di carte Future Stars come quelle di Vinicius Junior e di de Ligt.

1

Vinicius Junior ottiene una valutazione di 92 che lo rende degno se non addirittura migliore di Neymar mentre de Ligt con il suo 92 si avvicina pericolosamente a una leggenda come Paolo Maldini. Queste due sono carte emblematiche ma un discorso simile si potrebbe fare anche per giocatori che trovano spazio in Italia: Patrick Cutrone e Davide Calabria del Milan rispettivamente a 89 e 88? Ottimi prospetti che hanno fatto anche molto bene ma non si sta esagerando? Justin Kluivert della Roma a 87 dopo non aver quasi mai giocato dal primo minuto e aver a conti fatti inciso pochissimo all'interno della compagine allenata da Di Francesco.

Ovviamente FIFA Ultimate Team non è mai stata una modalità di gioco che punta sul realismo ma come accettare il fatto che giocatori che per ora hanno fatto pochissimo o sostanzialmente nulla siano "pompati" a dismisura?

Poi c'è la preoccupazione per il bilanciamento generale della modalità che vede un'aggiunta massiccia di giocatori fortissimi e sbilanciati che diminuiscono notevolissimamente il valore delle altre carte potenti e che non permettono una crescita graduale delle squadre per il resto del 2019.

Cosa pensate di queste critiche, dell'iniziativa FUT Future Stars di FIFA 19 e dei valori decisamente elevati proposti?

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle