Apex Legends è il gioco sulla bocca di tutti al momento (avete letto la nostra recensione?), un battle royale free-to-play che sta ottenendo un successo incredibile e che sta avendo degli effetti anche su altri giochi. L'esempio di Titanfall 2 (altro gioco di Respawn Entertainment) è il più palese ma non è di certo l'unico.

Quest'oggi vi parliamo del curioso caso di Apex Construct, titolo VR che a conti fatti con Apex Legends condivide solamente una parola. Tuttavia proprio il solo termine Apex è ciò che basta per attirare le attenzioni di molti. Questo gioco in realtà è un action/adventure single-player che dopo l'uscita di Apex Legends ha ottenuto un boost in visibilità e anche in vendite.

Come riporta VG247.com, la situazione è stata spiegata da Andreas Juliusson, marketing e communications manager di Fast Travel Games.

"Come probabilmente saprete il battle royale free-to-play Apex Legends è stato pubblicato la scorsa settimana. Non solo il nome ricorda il nostro gioco VR, Apex Construct, ma anche il logo è incredibilmente simile (il nostro è stato realizzato prima però!"

Nell'ultima settimana Apex Construct ha venduto in Cina più di quanto venduto in tutto il 2018 e la pagina Steam del titolo ha visto un aumento del 4000% nelle visite.

"Apparentemente le persone sono pronte a comprare ciò che credono sia Apex Legends per $29,99 (il prezzo di Apex Construct) anche se in teoria quest'ultimo è un gioco free-to-play. Molto probabilmente molti acquirenti richiederanno un rimborso ma attualmente i nostri risultati sono piuttosto buoni".

Fast Travel Games non ha colpe e sta ottenendo un successo insperato e incredibile grazie alla sola parola Apex. Una strana e curiosa storia del mondo dei videogiochi.

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle