La nostra recensione di Apex Legends ci ha messo di fronte a un titolo che propone un tipo di battle royale davvero interessante e il successo a livello di pubblico e critica dimostra come Respawn Entertainment abbia fatto centro. Ci˛ che Ŕ scontato Ŕ come la software house non si possa di certo adagiare sugli allori dato che un gioco come Apex Legends ha bisogno di un supporto costante e duraturo.

In questo senso i dataminer di GamingIntel potrebbero aver scoperto alcune peculiaritÓ che caratterizzeranno il futuro del gioco. La prima interessante informazione riguarda le squadre e la possibile introduzione di parecchie opzioni. Per il momento Ŕ possibile giocare solo in squadre da tre ma il datamining rivela riferimenti a squadre da due, sei, dodici e ventiquattro giocatori. Naturalmente alcune di queste soluzioni potrebbero non essere mai inserite mentre altre potrebbero dare vita a delle sorta di eventi a tempo in stile Fortnite.

L'altra informazione molto interessante scovata dai dataminer riguarda i veicoli. Si parla in particolare di un riferimento a una hoverbike che potrebbe essere inserita a brevissimo all'interno della mappa di gioco. I veicoli sono un elemento chiave di alcuni battle royale (l'esempio pi¨ lampante Ŕ PUBG) ma l'implementazione in Apex Legends non Ŕ necessariamente scontata o semplice.

1

Come giÓ detto in precedenza la presenza tra i file di gioco di questi riferimenti non assicura un'introduzione futura ma a quanto pare Respawn sta quanto meno tenendo in considerazione queste possibilitÓ magari, come abbiamo sottolineato, per particolari eventi e modalitÓ pensati per mantenere fresca e coinvolgente l'esperienza di gioco nel lungo periodo. Cosa ne pensate? I veicoli e l'introduzione di formati diversi per le squadre vi sembrano soluzioni azzeccate?

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darÓ ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle