Situazione controversa quella che ha caratterizzato una diretta occidentale legata a Evo Japan che ha avuto per protagonista Dead or Alive 6 e delle situazioni che a quanto pare sono state bollate come eccessive e troppo "spinte".

La diretta del gioco è stata caratterizzata principalmente da due momenti che hanno fatto discutere. Nel primo il producer e director, Yohei Shimbori, ha deciso di fermare un incontro per mostrare pose di certo non troppo pudiche da diverse angolazioni.

Il secondo "momento" controverso ha invece visto le idol Yuka Kuramochi e Saki Yoshida attirare l'attenzione verso i propri seni (coperti sia chiaro ma messi in mostra grazie alla scollatura) e sculacciarsi a vicenda in un siparietto che a quanto pare è stato pensato per mostrare la fisica del gioco.

Poi sono arrivate le scuse di Mark "MarkMan" Julio, business development di EVO che ha affermato come quanto successo "non rispecchi i contenuti o le intenzioni di Evo", quasi come a evidenziare una certa sorpresa nei confronti dell'atteggiamento e di quanto mostrato da Team Ninja.

Molto probabilmente Dead or Alive e il Team Ninja non saranno i benvenuti nelle prossime edizioni dell'Evo. Intanto Dead or Alive 6, già nell'occhio del ciclone per la sessualizzazione femminile criticata da alcuni si trova alle prese con un'altra situazione discutibile e controversa.

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Altri articoli da Alessandro Baravalle