Davvero io credo onestamente, tanto da giurarlo con la mano sul cuore, che Tetris 99, una reinterpretazione free-to-play di un vecchio classico che ha di recente fatto la sua silenziosa comparsa su Nintendo Switch, sia fatto della stessa pasta di colossi affermati come Fortnite e PUBG o come il recente e brillante Apex Legends? Beh, sì: lo credo davvero. Questa mia opinione potrebbe essere in parte dovuta al fatto che sono ancora nel periodo di “luna di miele” con il gioco e in parte perché… beh, perché è Tetris. E si tratta di una variante acuta ed emozionante quanto la tanto amata formula di Tetris Effect che abbiamo visto lo scorso anno.

Per lo più però, mi sono innamorato della pura audacia che è infusa in tutto il progetto. È come se Tetris 99 fosse uno scherzo che qualcuno ha fatto su Twitter (uno di quelli neanche tanto riusciti, che magari avrebbe faticato a superare la dozzina di like) e che Nintendo e lo sviluppatore Arika l'avessero reso reale e assolutamente brillante. Ovviamente Arika sa il fatto suo quando si tratta di tetramini, visto che ha creato solidi classici come la serie The Grand Master per cabinati (i cui titoli sono considerati come i migliori di Tetris, secondo l'erudito esperto John Linneman del Digital Foundry) e tutta questa esperienza viene sprigionata in Tetris 99.

1
Vale la pena sottolineare che i Joy-Con non sono ideali per il gioco di precisione e i problemi di precisione con il Pro Controller sono evidenziati quando il gioco si fa intenso.

Quindi sì, si tratta semplicemente di Tetris, ma a cui sono stati integrati con intelligenza altri elementi. I meccanismi di fondo sono un po' misteriosi, ma trovo elettrizzante scoprirli lentamente. Le basi sono comunque semplici: completare le linee per gettare il ciarpame agli altri giocatori. Completare una sola linea, però, non ha alcun impatto su un altro giocatore, ma è solo un modo per riordinare la propria partita. Per fare davvero un danno agli avversari, invece, è necessario completare più linee contemporaneamente, con combo e t-spin che contribuiscono a causare ancora più danni.

Poi c'è anche tutta la questione degli attacchi in arrivo, che attendono con impazienza su un timer alla sinistra, offrendo una breve opportunità per minimizzare il loro danno. È un gioco multiplayer di Tetris piuttosto tipico, ma ehi: ci sono così tanti combattimenti in contemporanea che lo schermo s'illumina come un centralino con tutti i danni che i giocatori si scambiano.

Ed è qui che il gioco diventa un po' (ok, molto) più complicato. Il mio consiglio è di prendervi del tempo per studiare seriamente questo utilissimo post di Reddit, che riassume le meccaniche chiave, oltre a dare un'infarinatura teorica su una manciata di altre cose. Per dirlo in parole povere, si hanno a disposizione quattro modalità di attacco automatico per colpire quelli che stanno per essere sconfitti, quelli che ci stanno attaccando, quelli che hanno accumulato più medaglie (che si ottengono sconfiggendo un certo numero di giocatori) e infine l'opzione di default: attaccare gente a caso. Inoltre, se si è particolarmente talentuosi ed esperti, è disponibile anche una modalità per scegliere manualmente chi attaccare.

2
I dataminer hanno scoperto una manciata di nuove modalità in arrivo, inclusa una tradizionale Maratona e una Team Battle.

C'è tanto da assimilare, insomma, e io sono ancora all'inizio, ma ho già passato dei bei momenti cercando di capirci qualcosa. La cosa davvero affascinante è quanto bene sembri adattarsi il gameplay di Tetris alla formula dei battle royale e come le sfumature e le gioie di questo nuovo genere inizino presto ad emergere in Tetris 99. Ci sono gli incontri inaspettati, la fortuna, il cercare di non farsi notare fino alla fine della partita o anche solo l'aumentare della tensione man mano che cresce la possibilità di scontrarsi con giocatori sempre più forti e abili.

E poi c'è il semplice fatto che i giochi battle royale creano così tanta dipendenza, come se già Tetris non fosse sufficiente da solo. È qualcosa di fenomenale, che da solo giustifica praticamente il costo dell'abbonamento Nintendo Online e non oso pensare al numero di ore che finirò per passarci sopra nel corso dell'anno. La cosa divertente è che, verso la fine dell'anno scorso, quando stavamo discutendo su quale fosse il miglior gioco del 2018, c'è stata una netta divisione tra quelli che avrebbero voluto che vincesse un battle royale tipo Fortnite e quelli che invece volevano che il vincitore fosse Tetris Effect. Tetris 99 sarebbe stato probabilmente il gioco che avrebbe messo d'accordo tutti. Un Tetris che viene considerato per due anni di fila come miglior gioco dell'anno? Perché no!

Riguardo l'autore

Martin Robinson

Martin Robinson

Features and Reviews Editor

Martin is Eurogamer's features and reviews editor. He has a Gradius 2 arcade board and likes to play racing games with special boots and gloves on.

Altri articoli da Martin Robinson