Hideaki Itsuno, il famoso director di Devil May Cry 5, in precedenza aveva intenzione di lasciare Capcom dopo il reboot del 2013, a meno che non fosse riuscito a realizzare il suo vero sequel di Devil May Cry 4. Lo ha rivelato un doppiatore di DMC5 in una recente intervista.

"[Itsuno] era pronto a lasciare Capcom", ha affermato il doppiatore, Reuben Langdon. "Non era felice. E penso che abbia rassegnato le dimissioni ma poi gli è stato detto: "Aspetta, aspetta, sei un uomo prezioso [e] non vogliamo che te ne vada. Cosa può farti rimanere?"

Come riporta Cogconnected, Itsuno voleva fare un gioco Devil May Cry nel suo stile e non "le cose che Capcom aveva fatto prima", ha affermato Langdon.

"Tanto di cappello a [Itsuno] e a Capcom che ha letteralmente dato al director tutto ciò che ha richiesto e voluto per questo gioco", ha detto Langdon. "E sta dando i suoi frutti."

Per chi non lo sapesse, Langdon è stato il doppiatore di Dante, uno dei personaggi principali della serie, da Devil May Cry 3.

DMC5_1_min_700x394

Queste affermazioni contraddicono i precedenti commenti positivi di Itsuno relativi al reboot. Infatti, in un'intervista dello scorso anno, Itsuno disse che inizialmente voleva fare un sequel per DmC, ma alla fine ha deciso di realizzare Devil May Cry 5.

Matt Walker, un produttore di Capcom che ha lavorato a Devil May Cry 5, ha tuttavia negato quanto affermato dal doppiatore: "Itsuno-san era davvero orgoglioso di ciò che Capcom e Ninja Theory hanno realizzato insieme in quel gioco", ha commentato Walker.

Che ne pensate?

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Altri articoli da Matteo Zibbo