Se siete morti abbastanza, e siamo certi che siate morti abbastanza, avrete scoperto l'esistenza del Mal del Drago, tremenda malattia che colpisce gli NPC del mondo di gioco in seguito ai vostri fallimenti e alle vostre resurrezioni

Il primo ad ammalarsi sarà Lo Scultore, e sarà seguito a ruota da tutti gli NPC che avete incontrato. Il Mal del Drago riduce le probabilità di ottenere Favore Divino, meccanica che mette al sicuro le vostre preziose risorse nonostante la morte in battaglia, ma potrebbe anche avere altri effetti ancora sconosciuti, ad esempio influenzando il finale del gioco.

curare

Per curare il Mal del Drago, per prima cosa, dovete ottenere un campione di sangue malato e portarlo da Emma, il medico del Tempio in Rovina interessato al vostro destino. Dandole il campione, riceverete due oggetti in cambio: un Talismano e una Goccia di Sangue di Drago. Recatevi presso un qualsiasi Idolo dello Scultore e fate un'offerta agli dei con il nuovo strumento per curare immediatamente il Mal del Drago di tutti gli NPC.

Mentre il Talismano rimarrà sempre con voi, avrete bisogno di trovare o comprare una nuova Goccia di Sangue di Drago ogni volta che vorrete curare di nuovo la malattia: tenete a mente che si tratta di un oggetto molto, molto raro.

Non importa quante volte lo curate: il Mal del Drago, prima o poi, colpirà di nuovo qualche NPC del mondo di gioco. In tal caso, non dovete fare altro che ripetere il processo: cercate un qualsiasi personaggio infetto e fatevi consegnare un campione, dopodiché tornate da Emma. Ovviamente, più NPC avrete scoperto e più il procedimento si rivelerà tedioso, ma si tratta di una meccanica abbastanza semplice.

La nostra Guida di Sekiro è in costante aggiornamento. Ecco tutte le pagine disponibili:

Riguardo l'autore

Lorenzo Mancosu

Lorenzo Mancosu

Redattore

La fiamma per i videogame nasce quando a 3 anni subito il battesimo del fuoco col Super Nintendo. Ex QA tester, oggi è diviso tra la giurisprudenza e una comunicazione che non è solo quella delle proprie opinioni.

Altri articoli da Lorenzo Mancosu