Urdnot Wrex, Clementine, Elizabeth, Claptrap, HK-47: tutti questi companion dei videogiochi evocano dei chiari ricordi per le persone che li hanno incontrati e hanno giocato al loro fianco. Il farcela per un soffio, i momenti divertenti e i salvataggi dell'ultimo minuto. Questi complessi pezzi di codice hanno trasceso la loro irrealtà attingendo alle nostre emozioni, da quelle più primordiali alle più complesse.

Questo ci porta direttamente ai giochi a cui sto pensando in questo momento. Per me, Red Dead Redemption 2 è la cosa che più si avvicina alla VR senza bisogno d'indossare un visore. Non l'ho soltanto “giocato”: il mondo e la narrazione di Arthur Morgan mi hanno completamente assorbito. Ma questo non è l'unico gioco da cui ora sono ossessionato. Così cinematografico e panoramico, Red Dead sembra contrastare molto con la finezza tattica dei turni di XCOM 2, il mio altro attuale titolo preferito, ma se inizialmente questi giochi possono sembrare molto diversi tra loro, man mano che li si conosce ci si rende conti che hanno una cosa in comune.

Sto parlando della famiglia. Dell'avere un compagno sempre accanto, dell'amicizia.

Per dirla in un altro modo, trasformarsi nel barbuto Arthur Morgan con accanto il suo fidato destriero “Horsea”, che porta con sé della pelle di cervo per i suoi compagni di campo, mi ha insegnato a godermi meglio XCOM 2. L'ingrediente chiave sono i legami emotivi costruiti con la carne da macello… cioè, intendevo dire, con la propria squadra.

In XCOM 2 i giocatori devono investire nella creazione di trame personali e ricordi con la squadra. La consapevolezza che le nostre decisioni possono avere delle conseguenze disastrose crea un legame forte, quindi ci sentiamo sollevati quando un Muton sbaglia il tiro o siamo inorriditi quando il nostro ranger preferito viene, ancora una volta, ucciso da un Viper. La vita, in una squadra, è estremamente pericolosa, perciò trascorrere del tempo ad armeggiare con la customizzazone dopo un paio di missioni aumenta il morale e porta qualcosa di nuovo in quel mondo desolato e violento.

RDR2

Allo stesso modo, trascorrere il tempo al campo ci rivela che la magia dei nostri compagni di Red Dead Redemption 2 non deriva dal loro realismo grafico. Cosa definisce Javier Escuella come persona? Cosa rende unico Dutch Van De Linde? Cos'è che motiva Micah Bell? Ogni singolo personaggio ha una sua diversa, ma sfaccettata, personalità. Nonostante tutti i glitch che s'incontrano in qualsiasi titolo open world complesso come questo, la gang in Red Dead sembra comunque fatta di personaggi complessi, che danno l'impressione di comportarsi come delle entità a se stanti. Proprio per questo, come giocatori, abbiamo meno probabilità di riconoscere quegli elementi che rendono artificiali i personaggi di un videogioco.

Le piccole banali scelte disponibili in Red Dead Redemption 2 ricreano quello che io considero il “silenzio” della vita. Nell'ultimo gioco di Rockstar i pezzi che compongono la realtà sono proprio le amicizie: quelle che ci ricorderemo con affetto una volta finito il gioco. Alla fine, il significato di quest'opera lo si trova mentre si mangia all'addiaccio, seduti attorno al fuoco a bere caffè, mentre si osservano le discussioni fra i nostri compagni o si partecipa alle faccende del campo, o anche solo legando con i compagni durante semplici missioni come trovare l'armonica di Sadie Adler. Le conversazioni con i membri della gang avvengono con naturalezza mentre si cammina, e questo dona dinamicità al gruppo. Allo stesso modo, i nostri compagni hanno il proprio ruolo nel campo e vivono all'interno di un ecosistema naturale, indipendente dalla trama. Arthur Morgan semplicemente si ritrova a vivere in questo mondo, una realtà che non ruota attivamente intorno a lui. È confortante.

Che livello si è raggiunto! Storicamente i companion dei videogiochi erano piuttosto stazionari o, come Garrus Vakarian, perennemente “nel mezzo di qualche calibrazione”. Le relazioni venivano avviate dal giocatore, che spesso si sentiva un po' come una specie di burattinaio. Giocando a XCOM 2 si ha ancora un po' quella sensazione, c'è però anche quel legame che si forma con le missioni, che contengono tutte degli elementi che non si possono prevedere o controllare. Questa variabilità genera delle emozioni importanti che, almeno per quanto mi riguarda, mi impediscono di vedere i membri della mia squadra come dei semplici elementi di supporto.

ss_a95cdbe487dbabf6621962fc92f438e26c5fdfd3

Questo è un buon momento anche per i companion animali. In Red Dead, il nostro cavallo rappresenta il legame più duraturo e fragile che stabiliremo durante il gioco. Man mano che la nostra relazione si rafforzerà attraverso la fiducia che si è sviluppata con la costante cavalcatura, l'alimentazione, la spazzolatura e l'incoraggiamento vocale, otterremo una maggior capacità di… cosa? Di non riuscire a controllare il nostro cavallo, né di riuscire a comunicare con lui.

Sono però rimasto inorridito quando ho colpito brutalmente un albero mentre galoppavo a tutta velocità attraverso una foresta, quel tipo di cose che si fanno sempre in altri giochi open world. La fisica dettagliata di questa collisione, oltre ad avermi fatto vedere il mio miglior amico “Gallopeno” crollare a terra e sentire il suo pianto sofferente, mi ha completamente distrutto. In queste situazioni si può scegliere o di usare un rivitalizzante o di “metterlo a dormire”. Non mi ero preso la briga di acquistare un rivitalizzante per cavalli, perciò l'ho dovuto lasciare lì.

Dopo quell'incidente sono diventato un cavallerizzo molto più attento e rispettoso. Il mio nuovo cavallo, Horsea, viene trattato come un vero cavallo. Il suo cibo preferito è l'avena, ha superato la paura degli alligatori e non gli piace che io porti come me tutte le armi contemporaneamente. Se mi trovo in territorio nemico, conduco Horsea lontano da qualsiasi potenziale azione, preoccupandomi anche che non venga aggredito da un branco di lupi.

Ancora una volta, questo sentimento di timore e preoccupazione, questa sensazione di dover proteggere qualcuno è simile a quella che provo quando sono in missione con la mia squadra di XCOM 2. Adesso la mia priorità è quella di cercare rapidamente miglioramenti per l'armatura o per la salute: i miei compagni hanno lavorato sodo per proteggersi a vicenda, quindi il mio compito è diventare un leader attento e rispettabile. La morte permanente mi ha insegnato questa dura lezione.

E funziona. In XCOM 2, ho ottenuto ottimi risultati: la mia squadra è sopravvissuta per salvare il mondo e ora siamo pronti per affrontare un futuro radioso. Allo stesso modo, il momento migliore, per me, in Red Dead probabilmente è stato quando ho percepito che quella banda di folli individui con cui mi sono messo ha formato un vero legame. E abbiamo fatto cose come riunirci intorno al fuoco per festeggiare una rapina di successo, con Javier che suona la chitarra o Pearson che racconta le sue ridicole storie della marina. Quegli attimi silenziosi attorno al fuoco con i miei amici.