Secondo Ninja gli stream sniper potrebbero essere la rovina di Fortnite

Il celebre streamer si scaglia molto duramente contro una pratica purtroppo sempre pi¨ frequente.

Il fenomeno degli "stream sniper", ovvero utenti che si collegano alla partita di un dato streamer seguendolo in diretta per avere la sua posizione in tempo reale e dunque sfruttare un ingiusto vantaggio, è vecchio tanto quanto i giochi multiplayer online, riporta Gamerant.

Gli stream sniper ci sono infatti sempre stati da quando lo streaming ha preso effettivamente piede ma ora il fatto di avere uno streamer molto famoso come Ninja quasi sempre online ha dato ulteriore risalto al fenomeno. Gli stream sniper trovano infatti maggior divertimento nel disturbare le live di creators influenti e seguiti, e il fenomeno è diventato tanto pesante da esasperare Ninja e portarlo a schierarsi con dure dichiarazioni anche contro Epic Games che non vigila come dovrebbe su questa pratica scorretta.

Ninja ha dunque dichiarato che a rendere popolari i videogiochi sono i content creators, citando l'esempio di Apex Legends, il quale con con i giusti streamer è decollato con 90 milioni di giocatori nel primo mese. Ninja ha dunque continuato dicendo che se Epic non farà qualcosa per arginare il problema, gli streamer abbandoneranno semplicemente Fortnite, decretando di conseguenza anche la sua fine. Proprio come avvenne per H1Z1, nel quale i cecchini che abbattevano gli streamer spiando le loro live li ha portati a lasciare il gioco.

ninja_against_stream_sniping.jpg.optimal

Cosa ne pensate delle sue dichiarazioni?

Vai ai commenti (3)

Riguardo l'autore

Stefan Tiron

Stefan Tiron

Redattore

Studente universitario a tempo pieno, scrittore a tempo vuoto. Svezzato a PS1 e Final Fantasy, adora il genere degli RPG e di riflesso il fantasy in ogni sua forma e dimensione.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Assassin's Creed Valhalla avrÓ un sistema di progressione diverso per evitare il grinding selvaggio

Il creative director, Ashraf Ismail, promette una piccola rivoluzione.

The Last of Us: Parte II risplende nel fantastico approfondimento e video gameplay targato State of Play

Tra stealth, azione brutale e sopravvivenza. Un assaggio di un possibile capolavoro.

Ghost of Tsushima si ispira al primo splendido Red Dead Redemption

Sucker Punch ammette di aver preso spunto anche da Zelda: Breath of The Wild.

Commenti (3)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza