Come segnala Tweaktown, Apple starebbe spendendo fino a mezzo miliardo di dollari per il suo nuovo servizio di gioco Apple Arcade e prevede di investire in progetti a lungo raggio. Apple sta adottando un approccio unico per sfruttare il mercato dei giochi. Non contento di generare entrate dai giochi mobile freemium, la società ha creato un nuovo servizio che assomiglia più a Xbox Game Pass che alla nuova piattaforma Stadia di Google.

Il colosso tecnologico, investirebbe personalmente denaro in ogni progetto presente sulla piattaforma per garantire che i giochi Apple Arcade siano esperienze premium. Le fonti dicono al Financial Times che Apple Arcade potrebbe costare fino a 500 milioni di dollari nel tempo.

A quanto riferito, Apple sta investendo milioni su ogni gioco e vuole seguire l'esempio di Epic "prenotando" l'esclusività a tempo. Con un canone mensile, gli abbonati possono accedere a un numero crescente di giochi che possono essere riprodotti su più dispositivi come iPhone, iPad e persino Apple TV. "Con Apple Arcade, abbiamo curato una raccolta di nuovi titoli che ridefiniscono i giochi, e non li stiamo solo curando, stiamo sostenendo il loro sviluppo e il nostro team sta lavorando a stretto contatto con gli sviluppatori per dare vita a questi giochi".

Gli abbonati, inoltre, potranno facilmente far migrare i loro dati salvati attraverso più piattaforme e riprendere da dove avevano lasciato. Il piano di Apple è sicuramente ambizioso ma sarà redditizio? I consumatori sono pronti per un altro piano di abbonamento mensile? Il mercato vede già la presenza di Xbox LIVE Gold, PlayStation Plus o Xbox Game Pass, senza contare il nuovo abbonamento Disney + di Disney e altri. Sarà interessante vedere se la scommessa di Apple pagherà o no.

Che ne pensate?

Vi ricordiamo che Apple Arcade è atteso per questo autunno.

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Altri articoli da Matteo Zibbo