Può un computer battere un team professionista in un gioco? La risposta è, a quanto pare, sì.

Come ha riportato Dexerto, un team di giocatori professionisti di Dota 2 che si fa chiamare OG ha partecipato ad uno scontro che ha visto come avversario un programma di Intelligenza Artificiale creata dal gruppo di Elon Musk.

Le due squadre hanno aperto la competizione chiamata OpenAI Five Finals, che si tiene a San Francisco e a quanto pare le cose non sono andate come ci si aspettasse.

I cinque membri di OG si sono scontrati con i cinque bot di OpenAI. A causa dell'algoritmo delle AI, che permette loro di apprendere più velocemente, sono stati introdotti diversi ostacoli per rendere più difficile la partita per i bot.

Nonostante le prodezze della squadra composta da persone in carne ed ossa, OpenAI ha vinto la prima partita della giornata. Ma non è tutto: la squadra dei bot ha continuato a vincere ogni partita, dimezzando man mano il tempo impiegato per creare una strategia vincente.

OG ha preso la sconfitta con filosofia, ripercorrendo a fine evento, tutte le mosse fatte dall'AI. Attraverso Twitter la squadra fa sapere scherzosamente di volersi chiamare Team Human ed ha promesso di tornare più forte per il prossimo incontro.

L'inserimento dell'Intelligenza Artificiale all'interno di giochi non è una novità. Recentemente Milestone ha presentato A.N.N.A, una nuova AI che debutterà in MotoGP 19.