Otto anni e non sentirli, o quasi. Le candeline sulla torta del 3DS continuano ad aumentare e per ricordarne i primi vagiti bisogna tornare indietro all'ormai lontano 25 marzo 2011, giorno in cui il piccolo portatile Nintendo arrivò sui mercati occidentali dopo aver debuttato in Giappone poco meno di un mese prima.

Forse non è stata la console più amata tra quelle uscite sotto il marchio della grande N, ma il suo successo è stato comunque stellare con oltre 75 milioni di pezzi venduti in tutto il mondo. Molti la davano per morta già un anno fa ma, nonostante l'arrivo di Switch ne abbia rallentato drasticamente le uscite, il 3DS continua a combattere e di tanto in tanto tira fuori alcuni colpi di coda niente male.

L'ultimo in ordine di tempo arriva addirittura dall'epoca Wii. Anche l'originale Kirby e la Stoffa dell'Eroe uscì all'incirca 8 anni fa e all'epoca lo premiammo con un voto decisamente alto e meritato. Ad un gameplay classico i ragazzi di Hal Laboratory, in collaborazione con il team Good Feel, abbinarono all'epoca uno stile grafico molto particolare, che ricordava quello di LittleBigPlanet e che successivamente sarebbe stato imitato da altri celebri platform, dai due capitoli della serie Unravel a Yoshi's Woolly World e il recente Yoshi's Crafted World (entrambi sviluppati, guarda caso, proprio da Good Feel).

Kirby e la nuova Stoffa dell'Eroe arriva su 3DS non senza qualche rinuncia, solo parzialmente bilanciata da una piccola manciata di extra inediti. Il mondo di gioco invece non ha perso (letteralmente) un filo nel passaggio ai due piccoli schermi dell'handheld Nintendo. Se siete dei neofiti della serie o per un qualsiasi motivo avete saltato quel capitolo Wii, vi sorprenderete nel ritrovarvi immersi in un universo magico fatto di stoffe, gomitoli e bottoni, nel quale dovrete aiutare la piccola pallina rosa a trovare l'uscita da ogni livello, evitando ostacoli di vario genere, eliminando folte schiere di nemici e ovviamente andando a caccia dei segreti nascosti un po' ovunque.

Un filo di lana può nascondere un collezionabile segreto mentre una chiusura lampo aprirà la via verso una nuova parte del livello. Kirby e la nuova Stoffa dell'Eroe stuzzicherà la vostra fantasia e voglia di esplorare. Pur rimanendo fedele alle sue radici vi fornirà degli strumenti in grado di suscitare non poche espressioni di meraviglia.

Kirby_01
Il demonietto che insegue Kirby nella nuova modalità demoniaca è una spina nel fianco, non ve ne libererete mai.

Nel corso della sua "nuova" avventura Kirby non potrà sfruttare il potere che lo ha reso famoso. Questa volta la piccola sfera rosa non potrà risucchiare i nemici per assorbirne le abilità, ma ha due nuove frecce al suo arco. La prima è rappresentata da un laccio che potrete usare per interagire con tutti gli elementi del gioco. All'occorrenza può diventare una frusta con cui scomporre i nemici troppo insistenti, o un cappio capace di afferrare parti di scenario e svelarne i segreti.

La seconda "novità" consiste nella possibilità di trasformarsi in una miriade di oggetti... ovviamente fatti di lana. A seconda della situazione il piccolo eroe rosa potrà diventare un delfino per cavalcare le onde, un autobotte per spegnere un fuoco che ostruisce un passaggio, un fuoristrada per superare terreni accidentati o addirittura un disco volante con cui fluttuare e respingere i nemici a suon di laser. Stiamo parlando di una novità divertente, resa ancora più coreografica dal particolare stile grafico, ma che di fatto non cambia più di tanto il cuore della giocabilità storica della saga. Kirby continua a cambiare forma ma lo fa in un modo leggermente diverso

Rispetto al gioco per Wii, Kirby e la nuova Stoffa dell'Eroe aggiunge un po' di polpa all'offerta originale. Facendo tesoro del successo riscosso da Kirby Triple Deluxe, gli sviluppatori hanno aggiunto due piccoli ma divertenti mini-giochi, che coinvolgono altri personaggi storici della saga. Il primo, intitolato "Fila, Dedede, Fila" è una corsa ad ostacoli nella quale gareggerete contro il cronometro. Nel secondo, Meta Knight Tritatutto, vestirete i panni del rivale con le ali da pipistrello e dovrete farvi largo a colpi di spada lungo quattro livelli densamente popolati di nemici. In termini di longevità queste due novità non aggiungono molto e possono essere completate in breve tempo, ma rappresentano comunque dei simpatici diversivi.

Kirby_02
Nel corso del gioco troverete oggetti con cui arredare l'appartamento di Kirby. Ebbene sì, anche lui ha una casa dove di tanto in tanto si riposa.

Un ulteriore plus che giustifica la dicitura "nuova" del titolo è rappresentato dalla mezza dozzina di copricapi che potrete recuperare lungo i livelli dell'avventura principale, ognuno dei quali donerà a Kirby un ulteriore potere. Sono orpelli puramente estetici in quanto il loro utilizzo non va a modificare più di tanto gli equilibri del gioco, anzi in alcuni casi risultano quasi forzati.

Assolutamente non forzata invece è la presenza della Modalità Demoniaca, che va ad aumentare il basso livello di difficoltà del gioco principale. Oltre a diminuire l'energia di base di Kirby, questa opzione aggiunge la presenza di un demonietto che nel corso degli stage cercherà di ostacolarvi in ogni modo. Commettendo troppi errori o venendo colpiti cinque volte sarete costretti a ricominciare il livello.

All'inizio accennavamo alle rinunce che questo passaggio su 3DS ha comportato. Queste sono rappresentate dall'assenza della modalità coop presente su Wii e dall'assenza del 3D, che probabilmente avrebbe richiesto un'eccessiva lavorazione extra degli assets originali. Anche lo schermo inferiore della console non è stato sfruttato a dovere, ma sinceramente anche noi facciamo fatica a immaginarne un utilizzo davvero funzionale per questo gioco.

Utilizzando la formula "minimo spesa/massima resa", Nintendo ha confezionato un buon porting (con benefici) di un titolo già di per sé ottimo, ma con un po' di impegno in più il risultato finale avrebbe potuto essere migliore.

Kirby e la nuova Stoffa dell'Eroe è il classico titolo adatto ai giocatori meno esperti ma anche a chi soffre di smania da collezionismo. Il suo stile "kawaii" è perfetto per catturare l'attenzione di fanciulle poco avvezze ai videogiochi, che molto probabilmente dopo aver provato un livello vi sequestreranno la console fino al completamento totale dell'avventura.

8 /10

Riguardo l'autore

Daniele Cucchiarelli

Daniele Cucchiarelli

Redattore

Lavora nel giornalismo videoludico da oltre 11 anni. Anche se tutti quelli che lo conoscono gli hanno consigliato di "trovarsi un lavoro serio", resta sempre fedele al suo primo amore.