Non c'è alcun dubbio che l'incendio che ha colpito la famosa cattedrale storica di Parigi, Notre Dame, il 16 aprile sia stato devastante e ha lasciato in noi un senso di perdita di un pezzo di storia iconica.

Notre Dame era già nel mezzo della ristrutturazione, il che significa che molte opere, come le statue storiche, erano al sicuro perché erano già state rimosse.

È anche importante notare che la cattedrale fu semidistrutta nei primi anni del XIX secolo, e fu attraverso il romanzo di Victor Hugo "Notre-Dame de Paris" che ottenne abbastanza attenzione da essere restaurata. La parte distrutta durante l'incendio fu costruita durante quel tempo, ed era una ricostruzione più alta e decorata dell'originale. Il che significa che Notre Dame era già stata distrutta e ricostruita. Pertanto, potrà essere ricostruita di nuovo.

Il presidente francese Emmanual Macron sta sicuramente esaminando le possibilità e ha ottenuto il sostegno di molti, incluso il Giappone. Ma il miglior aiuto potrebbe provenire da un noto videogioco, ovvero Assassin's Creed, riporta Stuff.tv.

a243845a14d9e1aa593acd150e424372

Assassins Creed è ben noto per la sua ri-creazione di luoghi reali. Assassin's Creed Unity era ambientato a Parigi, e l'artista del gioco, Caroline Miousse, ha impiegato due anni per perfezionare l'apparizione di Notre Dame, fino a garantire che ogni mattone fosse al suo posto.

Miousse ha anche collaborato con uno storico per la ricerca e la costruzione di ogni sezione dell'edificio, ricostruendo così la cattedrale in modo realistico con tantissimi dettagli. Questo, testimonia come i videogiochi possono anche preservare la storia.

Naturalmente, il gioco non è l'unica "mappa" che può essere utilizzata per ricostruire Notre Dame, ma sicuramente può essere un validissimo aiuto.

Che ne pensate?

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Altri articoli da Matteo Zibbo