Lo sviluppo di Star Citizen, titolo di Cloud Imperium Games, si protrae da ben otto anni con un totale di 288 milioni di dollari raccolti, e nonostante tutto questo la fine non sembra essere ancora vicina, riporta Gamesindustry.

Stando a quanto si evince da un resoconto stilato da Forbes, sembrerebbe che la causa possa ricercarsi in una cattiva gestione del denaro, in pratiche di leadership poco chiare e in un mix di diversi fattori.

Star Citizen, in sviluppo dal 2011, era stato programmato per un lancio nel 2014 ma da allora Ŕ sempre stato rimandato e ora non ha nemmeno una data di lancio prevista. Nessuno dei promessi "100 sistemi stellari" Ŕ stato finora completato, e la fine di questo lungo progetto sembra essere ancora lontana.

Le ragioni di questo sviluppo prolungato e della costante ricerca di nuovi fondi (tra cui un investimento di 46 milioni quasi interamente dedicato al marketing) non possono essere identificate in una sola causa ma una grossa fetta di responsabilitÓ Ŕ attribuibile alle decisioni riguardante la gestione del fondatore dello studio, Chris Roberts. Nell'indagine di Forbes, Roberts Ŕ descritto come "micromanager e scarso amministratore di risorse" e di lavoro in un ambiente a dir poco "caotico". Cloud Imperium ha infatti 537 dipendenti sparsi tra 5 uffici separati che solo nel 2017 sono costati 30 milioni di dollari in stipendi totali.

star_citizen

C'Ŕ dunque incertezza sulla gestione del denaro in questo ambizioso progetto, e la fine, per quanto lontana, cade nell'incertezza anch'essa. Potete leggere il report completo e dettagliato di Forbes a questo indirizzo.

Cosa ne pensate?

Riguardo l'autore

Stefan Tiron

Stefan Tiron

Redattore

Studente universitario a tempo pieno, scrittore a tempo vuoto. Svezzato a PS1 e Final Fantasy, adora il genere degli RPG e di riflesso il fantasy in ogni sua forma e dimensione.