Ubisoft ha grandi progetti per i giochi mobile nel suo futuro. Secondo il suo ultimo briefing finanziario con gli investitori, la società ha delineato un piano per portare i suoi franchise console consolidati su dispositivi mobile per attrarre un pubblico ancora maggiore.

Ubisoft ha avuto un anno forte dal punto di vista finanziario, raggiungendo un risultato operativo record di 446 milioni di euro. Guardando al futuro, Ubisoft ha chiarito che espandere la propria presenza in Asia è una strategia chiave per la crescita. E il modo migliore per entrare in contatto con l'Asia è attraverso il mobile.

Come riporta USGamer, il CEO Yves Guillemot ha evidenziato "l'enorme mercato in crescita" in Asia, in particolare Cina, Giappone e Corea. Sperando di raggiungere un pubblico più ampio in queste aree, Ubisoft ha annunciato piani per aumentare le offerte PC e portare "consolidati franchise PC e console su dispositivi mobile".

I principali franchise di Ubisoft includono giochi come Assassin's Creed, Rainbow Six, Ghost Recon e Far Cry. Ubisoft si è già dilettata in spinoff mobile, ma i piani descritti ora sembrano più ambiziosi.

ubisoft_logo_copertina

Aziende come Activision stanno cercando di portare i propri giochi su dispositivi mobile, come Call of Duty e Diablo. Bethesda ha recentemente pubblicato un nuovo titolo Elder Scrolls su mobile, Elder Scrolls Blades. E non è difficile immaginare simili versioni console-lite di giochi Ubisoft in arrivo sugli smartphone.

C'è il rischio che l'annuncio di nuovi titoli per dispositivi mobile aprirà il fianco di Ubisoft alle critiche dei giocatori console e PC, come si è visto con la schiacciante reazione negativa a Diablo Immortal alla BlizzCon dello scorso anno. Ma è chiaro che il mobile è un mercato in crescita per molte società.

Tuttavia, mobile e Asia sono solo una parte della strategia di Ubisoft per il futuro. La società sta investendo molto nello streaming e nel cloud gaming con partnership con Google Stadia.

Che ne dite?

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Altri articoli da Matteo Zibbo