Campo libero, porta vuota. Segnare era facile. Eppure, qualcosa nella conferenza Microsoft ci ha suggerito che, semplicemente, non era ancora pronta. La presentazione all'E3 2019 non è stata piatta né povera, ma togliendo dal calderone le produzioni multipiattaforma (come Cyberpunk 2077, Star Wars jedi: Fallen Order, Elden Ring, Dying Light 2 e Tales of Arise), il 2019 di Xbox One non è diverso da quanto già sapevamo. Il che ci porta a un risultato (forse) scontato: la mente di Microsoft è alla prossima generazione.

Era lecito aspettarsi qualcosa di diverso? Probabilmente no. Con l'introduzione di Double Fine, lo studio che ha creato Broken Age e Brutal Legend, gli Xbox Game Studios salgono a 15. Un numero importante perché permetterà alla casa di Redmond di affrontare il futuro del videogioco con un "esercito" di team creativi capaci di fornire la sostanza che in questa generazione è tanto mancata. Sul palco dell'E3 2019 in pochi hanno risposto all'appello: Ninja Theory ha presentato l'eccentrico Bleeding Edge; Obsidian è tornata a presentare, con un trailer, The Outer Worlds; anche di Ori and the Will of the Wisps (atteso nel 2020) avevamo già sentito parlare. Gli altri stanno lavorando dietro le quinte.

1
Project Scarlett, cioè la prossima Xbox, uscirà a fine 2020.

Senza Sony ci si aspettava, però, che Microsoft mordesse. Aveva lo spazio interamente per sé, eppure anche le carte più succose - la console di nuova generazione e il servizio di streaming - non sono state adeguatamente sfruttate. Xbox Scarlett sembrava dover recuperare il terreno perso rispetto alla "console di nuova generazione" di Sony, che già nelle scorse settimane aveva anticipato le novità hardware. Le specifiche tecniche di Xbox Scarlett annunciate, infatti, si sovrappongono a quelle già anticipate per PlayStation 5: SSD, supporto a 8K e 120 fotogrammi per secondo, retrocompatibilità, ray tracing. L'unico vantaggio, si fa per dire, è stato fornire un periodo di uscita (fine 2020).

Con Stadia che bussa alla porta, di xCloud ancora sappiamo poco. L'anteprima di ottobre partirà con la possibilità di giocare in streaming su smartphone e tablet usando la propria Xbox One come server. Un approccio molto più limitato rispetto a quanto promette Google, ma che, essendo gratuito, potrebbe rappresentare una buona base di partenza. Il catalogo di giochi supportato sarà probabilmente l'intera offerta oggi disponibile, considerato che l'hardware che lo esegue è l'Xbox One stessa. L'azienda non ha però detto niente rispetto a un'offerta separata da Xbox One e con la quale i giochi vengono eseguiti in streaming direttamente dai server di Microsoft.

Qui potete recuperare la nostra diretta della conferenza Microsoft.

Una certezza su tutte: Xbox Game Pass. Con l'avvento per PC del servizio su abbonamento e l'inclusione in Xbox Game Pass Ultimate a 14,99 euro al mese, sta diventando la vera offerta alternativa al classico acquisto. Mentre lo streaming ha ancora tutto da dimostrare, Xbox Game Pass è, a oggi, il vero valore aggiunto dell'ecosistema Xbox e Windows 10. L'offerta continua a estendersi e l'inclusione di tanti videogiochi indipendenti la renderà ancora più ghiotta.

La conferenza dell'E3 2019 di Microsoft è stata una presentazione a 360 gradi dell'attuale stato delle cose e un'anticipazione di ciò che verrà. La mancanza di gameplay sarà probabilmente bilanciata dall'Inside Xbox che coprirà le giornate di E3, ma la conferenza sarà comunque probabilmente più ricordata per ciò che non è riuscita a fare. In ogni caso, la presentazione è parsa lacunosa e molto spinta verso il futuro. Gears 5 è l'esclusiva più vicina, eppure è parsa con un breve trailer.

3
L'inclusione dell'attore Keanu Reeves in Cyerpunk 2077 è stata una delle principali sorprese della conferenza Microsoft. Il gioco però è multipiattaforma.

Lo stesso Halo Infinite, annunciato lo scorso anno, non è più concreto di quanto lo era un mese fa. Con il debutto programmato in concomitanza con Xbox Scarlett, difficilmente sapremo qualcosa di più quest'anno. Tutto rimandato, insomma, al prossimo anno. Un anno che, com'è normale aspettarsi quando arrivano sul mercato nuove console, si preannuncia immenso.

Riguardo l'autore

Massimiliano Di Marco

Massimiliano Di Marco

Redattore

Aspetta la pensione per recuperare la libreria di giochi di Steam. Critica qualsiasi cosa si muova, soprattutto se videoludica, e gode alla vista di Super Mario e Batman.