Final Fantasy 7 Remake potrebbe essere un gioco cross-gen

Lo afferma Yosuke Matsuda, presidente e CEO di Square Enix.

Nessun annuncio ufficiale è stato condiviso riguardo al fatto che Final Fantasy VII Remake possa essere un titolo cross-gen. Tuttavia, considerando che il gioco si estenderà su più capitoli e il primo è in programma il 3 marzo 2020, sembra chiaro che gli episodi successivi vedranno la luce su hardware di prossima generazione. Ma per quanto riguarda il primo gioco? Sulla base dell'intervista di GameInformer con il presidente e CEO di Square Enix, Yosuke Matsuda, il primo gioco di Final Fantasy VII Remake potrebbe arrivare anche su sistemi di nuova generazione.

È stato chiesto a Matsuda se ci sono possibilità che il primo episodio venga pubblicato su console di nuova generazione. "È l'argomento più scottante al momento e abbiamo pensato che potevate chiedercelo", ha detto Matsuda. "Credo che i nostri team abbiano fatto in modo che il gioco supporti sia la generazione successiva che l'attuale generazione di console, credo che sia stato sviluppato in modo che sia giocabile su entrambe le generazioni di hardware, quindi non sono molto preoccupato a tale proposito e credo che i fan potranno goderselo anche sulla nuova generazione di console".

Il commento di Matsuda non costituisce un annuncio ufficiale, ma almeno rivela che c'è la possibilità di giocare a Final Fantasy VII Remake sulle nuove console.

e32019_square_enix_final_fantasy_7_remake_screenshot_6_15602_sm88

In altre notizie correlate, abbiamo appreso che, dopo il primo capitolo di Final Fantasy 7, non dovremmo aspettarci una velocizzazione dello sviluppo degli altri titoli.

Final Fantasy 7 Remake è in arrivo il 3 marzo 2020.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

The Witcher incontra gli anni '80 grazie allo splendido lavoro di un artista

Geralt come Jena Plissken in "1997: Fuga da New York".

Articoli correlati...

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

In Cyberpunk 2077 i genitali saranno determinati dal tipo di corpo scelto

E gli altri personaggi si rivolgeranno a V chiamandolo per nome.

In Cyberpunk 2077 affronteremo 4 diverse tipologie di quest, ecco i dettagli

Ce ne parla il senior quest designer, Philipp Weber.

ArticoloGamescom 2019: Wasteland 3 - prova

Nel nevoso Colorado post-apocalittico di inXile Entertainment.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza