Remedy Entertainment ha riacquistato i diritti di pubblicazione di Alan Wake da Microsoft

La serie potrebbe ora arrivare su più piattaforme.

Grazie alla segnalazione di Eurogamer.net, apprendiamo che Remedy Entertainment ha riacquistato i diritti di pubblicazione di Alan Wake da Microsoft.

Ora impegnato a realizzare il promettente Control, Remedy ha detto agli investitori che guadagnerà circa € 2,5 milioni di royalties quest'anno per "giochi precedentemente pubblicati", dopo che la serie tornerà nelle mani dello studio.

È giusto dire che la relazione tra Remedy e Microsoft è stata messa a dura prova dall'ultimo progetto della coppia, l'ibrido TV / gioco live-action Quantum Break.

Remedy ha quindi affermato che il suo futuro sta ora nel creare giochi per tutte le piattaforme e Control è stato annunciato lo scorso anno durante la conferenza stampa E3 2018 di PlayStation.

Ciò che questo significa per il futuro - arrivi di nuovi Alan Wake o porting - resta da vedere.

apps.53068.66512344563571887.0decc815_c0f2_495d_a5df_387a6f4e8032

Per il momento, Remedy sta realizzando Control e ha detto che vuole che il suo nuovo franchise sia solo una parte di un universo più ampio che vorrebbe approfondire. Dopo il lancio di Control a fine agosto, ci sarà un anno di nuove storie e missioni.

"Siamo onesti, non siamo uno degli studi più massicci, ma siamo ancora indipendenti", ha detto il director di Control, Mikael "Mixu" Kasurinen, in un'intervista con Eurogamer.net. "Questa è la nostra IP, decideremo cosa accadrà con questa: la cosa più intelligente per noi è fare ciò in cui crediamo, essere pronti ad essere un po' strani, essere anche controversi".

Che ne pensate?

Vai ai commenti (5)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Red Dead Online: la prima Taglia Leggendaria su Barbarella Alcazar è qui

Tutti i dettagli, nuovi oggetti collezionabili, una serie con mira manuale e molto altro.

Il mondo di Death Stranding è il "peggiore che si possa immaginare"

Kojima definisce l'open world come lo "scenario peggiore possibile".

Articoli correlati...

Commenti (5)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza