Alcuni ricercatori avrebbero trovato la soluzione contro la dipendenza da videogiochi

E no, non si tratta di vietare di giocare.

Un gruppo di ricercatori tedeschi ha pubblicato un nuovo studio che afferma di poter curare la dipendenza da videogiochi. I ricercatori affermano che i pazienti hanno avuto un tasso di remissione del 70% e che il trattamento non utilizza farmaci psichiatrici.

Secondo lo studio si tratterebbe infatti di "riconfigurare" la relazione esistente tra il gioco ed il giocatore affetto da dipendenza. Gli esperti non sono ancora d'accordo sull'esatta natura della dipendenza da videogiochi. Lo scorso settembre, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha aggiunto il "disturbo del gioco" alla sua lista di malattie riconosciute . Il Manuale Diagnostico e Statistico Americano dei Disturbi Mentali riconosce che qualcosa sta succedendo, ma richiede uno studio più approfondito.

Precedentemente altri studi di ricerca hanno studiato la dipendenza da videogiochi, tuttavia il campione usato è stato esiguo, oppure in molti casi si è eseguito lo studio senza però un gruppo di controllo.

"In alcuni studi non esisteva alcun supervisore che si occupasse dei dati raccolti e fornisse un'analisi statistica indipendente", ha dichiarato Kai W. Müller, uno degli autori dello studio pubblicato su JAMA Psychiatry . "Nel nostro studio siamo stati particolarmente attenti nell'evitare tutti questi problemi".

Müller ed i suoi colleghi hanno condotto la ricerca dal 2012 al 2017 in quattro cliniche ambulatoriali in Germania e Austria su 143 uomini che hanno diviso casualmente in due gruppi: 72 che avrebbero ricevuto un trattamento e 71 che avrebbero agito come controllo. I ricercatori hanno quindi utilizzato una forma modificata di terapia cognitivo comportamentale (CBT) che consisteva in 15 sessioni di gruppo settimanali e fino a otto sessioni individuali di due settimane.

"È importante sottolineare che non significa automaticamente che sei dipendente se sei appassionato di giochi", ha detto Müller. "Bisogna tenere presente che solo una minoranza sta sviluppando un comportamento di dipendenza nei confronti dei giochi e di altre attività su Internet. Tuttavia, è altrettanto importante prendere sul serio questi pazienti e accettare che stanno soffrendo e hanno bisogno di aiuto. Qualsiasi altra cosa sarebbe pura ignoranza."

giochi

"Il nostro obiettivo principale non è quello di avere i pazienti lontano da qualsiasi schermo, ma piuttosto di consentire loro di controllare il loro comportamento", ha detto Müller. Le persone che hanno partecipato a questo studio hanno iniziato con una "astinenza parziale" di sei settimane da giochi per computer e Internet.

Per aiutare a controllare lo studio, i ricercatori hanno escluso i soggetti che stavano usando farmaci psichiatrici in quanto non sono stati usati tali farmaci come parte del trattamento. Müller ha detto che, nella sua esperienza, le persone con un disturbo da abuso che non è correlato a sostanze non rispondono bene al trattamento farmacologico. Invece, i ricercatori hanno usato la CBT, una forma di terapia orale che incarica i pazienti di analizzare e adattare i loro pensieri.

Lo studio sembra promettente ma è ancora imperfetto, poiché si è concentrato esclusivamente sugli uomini. Müller ha detto che questo riflette la clientela tipica della clinica. "Mentre recenti indagini epidemiologiche hanno mostrato quasi nessuna differenza di sesso per quanto riguarda la prevalenza di dipendenza da internet, le pazienti di sesso femminile con dipendenza sono raramente rappresentate nel sistema di aiuto. Pertanto, sono necessari ulteriori studi clinici per valutare l'efficacia del trattamento nelle persone di sesso femminile."

Fonte: Vice

Vai ai commenti (26)

Riguardo l'autore

Claudia Marchetto

Claudia Marchetto

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Control su Xbox Game Pass? 'Phil Spencer irrispettoso. Ha ucciso le vendite del gioco con un atto idiota'

Scoppia la polemica dopo l'annuncio del boss di Xbox smentito da Remedy.

PS5 sarà retrocompatibile con i giochi PS4. Ma i giochi PS3, PS2 e PS1?

Jason Schreier di Kotaku torna a parlare di una delle feature più attese.

ArticoloEurogamer Awards: scegliete i migliori giochi dell'anno e del decennio

Un nuovo decennio è alle porte ed è giunto il momento di tirare le somme.

ArticoloLe uscite del mese di dicembre - articolo

L'ultimo Natale senza PS5 e Xbox Scarlett.

Commenti (26)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza