Google Stadia e la paura del cloud? "Un giorno tutti i giochi saranno sul cloud e noi abbiamo ottime sensazioni"

Andrey Doronichev risponde (non sempre al meglio) ai dubbi dei giocatori.

La giornata di ieri è stata teatro di un evento estremamente atteso sia per chi guarda a Google Stadia come al futuro del gaming sia per chi invece rimane scettico nei confronti del servizio di game streaming basato sul cloud di Google. Ieri si è infatti tenuto su Reddit il primo AMA (Ask Me Anything) dedicato a Stadia.

Il director of product, Andrey Doronichev, ha cercato di rispondere alle domande degli utenti non entrando sempre nello specifico e non riuscendo a dipanare ogni dubbio ma ci troviamo di fronte a tanti nuovi dettagli sulla visione che nel mese di novembre accompagnerà il lancio del servizio. Stadia non sarà il Netflix dei videogiochi che alcuni speravano e questo è chiaro ma come risponde Google a tutti coloro che non credono che lo steaming sia il futuro del gaming e che per certi versi hanno "paura" del cloud in ambito videoludico?

"Cosa succederebbe se per un motivo o per l'altro il servizio dovesse chiudere definitivamente i battenti? Questa domanda ci viene fatta spesso. Vi capisco. Passare al cloud incute timore. Mi sono sentito nello stesso modo quando la musica stava passando dal fisico allo streaming. Ho ancora tutti i miei vecchi CD nel garage...anche se è difficile trovare un lettore CD oggigiorno :). La stessa cosa è accaduta per i film, le foto e tutti gli altri documenti e file...ed è fantastico! I videogiochi non sono diversi. Prima o poi tutti i nostri giochi saranno immagazzinati al sicuro nel cloud e sarà qualcosa che accetteremo a pieno e ci andrà benissimo.

"Stiamo davvero investendo tantissimo nella tecnologia, nelle infrastrutture, e nelle partnership per i prossimi anni. Nella vita nulla è certo ma siamo molto decisi e ci impegneremo a fondo per rendere Stadia un successo. I giochi che acquistate su Stadia sono vostri. Dal day one supporteremo una funzione di Takeout in modo che potrete scaricare i metadata del vostro gioco, inclusi i salvataggi nel caso in cui lo desideriate.

"Ovviamente non c'è nulla di male nel dubitare di fronte alle mie parole. Non c'è nulla che possa dire per farvi credere se non volete farlo ma ciò che possiamo fare è lanciare il servizio e continuare a investirci per gli anni a venire, esattamente come stiamo facendo con Gmail, Docs, Music, Movies e Photos. Quello è esattamente il tipo di impegno che abbiamo nei confronti di Stadia".

1
Andrey Doronichev.

Uno degli altri argomenti toccati consiste nelle feature che saranno presenti al lancio e di quelle che invece arriveranno solo successivamente. Al lancio possiamo aspettarci: il giocare su più schermi, la lista amici, feature per i party, chat vocale e uno store. Successivamente arriveranno: un sistema di achievement, feature per il family sharing, il supporto alle mod e altre feature social. Doronichev sottolinea inoltre che in futuro arriveranno anche dei giochi free-to-play e che da questo punto di vista Stadia non impone alcun paletto.

Da Netflix dei videogiochi a un servizio più simile per certi versi a Xbox Live Gold o PlayStation Plus (parole di Dornichev stesso) l'entusiasmo nei confronti di Google Stadia è inevitabilmente calato ma ovviamente il lancio e il modo in cui il servizio crescerà diranno molto sulla buona riuscita del nuovo investimento di Google.

Cosa pensate di queste nuove informazioni e di Stadia?

Fonte: Games Industry

Vai ai commenti (5)

Riguardo l'autore

Alessandro Baravalle

Alessandro Baravalle

Redattore

Si avvicina al mondo dei videogiochi grazie ad un porcospino blu incredibilmente veloce e a un certo "Signor Bison". Crede che il Sega Saturn sia la miglior console mai creata e che un giorno il mondo gli darà ragione.

Contenuti correlati o recenti

PS5: pubblicati alcuni render in 3D basati sulle recenti immagini

Ecco come potrebbe essere il modello in mano agli sviluppatori.

GameStop, l'investitore Michael Burry rileva una parte di azioni della società

Nonostante la situazione finanziaria critica, Burry è convinto che la società di riprenderà.

Secondo Ubisoft questo è "il momento giusto per creare nuovi generi e nuove IP"

Lo afferma il direttore esecutivo di Ubisoft EMEA, Alain Corre.

Pawan Bhardwaj di Xbox: il passaggio al digitale è una "progressione naturale e organica"

L'importante è "offrire ai clienti la possibilità di scegliere come acquistare un prodotto".

Articoli correlati...

Commenti (5)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza