Yuke e 2K si separano: lo studio giapponese non svilupperà i giochi futuri della serie WWE

WWE 2K20 sarà interamente sviluppato da Visual Concepts.

Lo studio giapponese Yuke non svilupperà i giochi futuri nella serie WWE di 2K, ponendo fine a un'associazione di quasi 20 anni con la licenza di wrestling.

WWE 2K20 sarà invece guidato da Visual Concepts, con sede in California, che ha co-sviluppato i recenti capitoli della serie, ha confermato 2K.

2K ha dichiarato a VGC: "WWE 2K20 sarà sviluppato da Visual Concepts, che ha collaborato con Yuke allo sviluppo della serie sin da WWE 2K14".

"Mentre abbiamo continuato a investire nel franchise WWE 2K, abbiamo visto il team di Visual Concepts mostrare incredibile passione, talento e impegno per il futuro della serie. Ringraziamo Yuke per i loro anni di collaborazione e siamo entusiasti di vedere che cosa il team di Visual Concepts porterà al franchise andando avanti".

af286a08_f8a0_4d9b_8760_4eb2c50a49d3_DkAWf0FXoAETnvV

In una dichiarazione separata inviata a VGC, Yuke ha confermato la notizia e ha affermato di "continuare a fornire supporto a 2K per quanto riguarda il motore di gioco". All'inizio di quest'anno Yuke ha confermato di essere al lavoro su una nuova IP di wrestling originale.

Le notizie segnano la prima volta che lo studio giapponese non è attivamente coinvolto nella creazione di un titolo WWE principale da quasi 20 anni, avendo lavorato alla serie dal 1999, da Smackdown per PSX.

Yuke era stato in precedenza l'unico sviluppatore della serie sotto il publisher THQ ormai defunto. Dopo l'acquisizione da parte di 2K dei diritti di gioco nel 2013, il suo studio sportivo Visual Concepts è stato presentato come sviluppatore congiunto.

In genere le due società hanno diviso i loro compiti con il design, il comparto artistico e la tecnologia guidati da Yuke, mentre Visual Concepts ha fornito animazione, audio e sceneggiatura.

L'ultimo capitolo di Yuke, WWE 2K19, è stato criticato per un declino della qualità. All'inizio di quest'anno lo studio ha rivelato pubblicamente la sua frustrazione per quello che era stato in grado di ottenere con i recenti giochi WWE 2K e ha suggerito che il suo rapporto con il publisher 2K Sports era in parte responsabile.

Che ne pensate?

Fonte: VGC.

Vai ai commenti (8)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (8)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza