Fortnite: al via una class action contro Epic Games per il furto di dati dello scorso anno

Oltre cento giocatori chiedono giustizia.

Oltre cento giocatori di Fortnite hanno preso parte a una class-action contro Epic Games per via della grave falla nei sistemi di sicurezza della compagnia che in passato ha esposto numerosi account di giocatori ad attacchi XXS.

La causa è stata registrata dallo studio legale Franklin D. Azar & Associates e accusa Epic di non aver adottato misure di sicurezza adeguate e di aver fallito nel risolvere il problema o notificare gli utenti in modo tempestivo.

Come riportato da Polygon, i ricercatori di Chek Point lo scorso novembre hanno trovato una vulnerabilità nei sotto-domini di Epic Games. Questo ha permesso a dei malintenzionati di eseguire degli attacchi XSS inviando semplicemente un link ai giocatori di Fortnite. Se aperto l'account poteva essere hackerato e usato per eseguire acquisti fraudolenti.

Fortnite_1

Epic Games ha risolto la falla nella sicurezza lo scorso gennaio, ma ovviamente nel frattempo ci sono state numerose vittime di attacchi informatici che ora reclamano giustizia per vie legali.

Sarà interessante vedere come si evolverà la questione. Per il momento Epic Games non ha ancora rilasciato nessun commento ufficiale, ma vi terremo aggiornati in caso di novità.

Fonte: VG247

Contenuti correlati o recenti

Doom Eternal, Dreams, Marvel's Avengers, Nioh 2 e moltissimi altri giochi in anteprima alla Milan Games Week 2019

Svelate le anteprime che faranno divertire ed emozionare gli appassionati di videogiochi

Secondo Sony "la realtà virtuale ha ancora molto da imparare"

Il pensiero di Shuhei Yoshida, presidente di SIE Worldwide Studios.

L'Accademia Italiana Videogiochi sbarca a Milano

Porte aperte per il primo open day nella sede meneghina.

Articoli correlati...

Sunset Overdrive è ufficialmente una IP di Sony

Il gioco fu lanciato come esclusiva Xbox One nel 2014.

Kickstarter nell'occhio del ciclone dopo il licenziamento di due organizzatori sindacali

Una ritorsione nei confronti del processo di sindacalizzazione?

Secondo le stime di un publisher le vendite dei titoli indie su Steam sono scese del 70% rispetto allo scorso anno

Ecco un'interessante analisi condotta da Mike Rose, director del publisher indie No More Robots.

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza