Perché rifiutare l'accordo di esclusività con Epic Games Store? Ce lo spiega lo sviluppatore di Darq

"Hanno chiarito che pubblicare il gioco su altre piattaforme non è un'opzione".

Lo sviluppatore del puzzle game horror Darq ha rifiutato un accordo di esclusività con Epic Games Store e ha invitato la società a consentire ai giochi indie di vendere simultaneamente sia sul loro store che tramite Steam.

Epic ha contattato Wlad Marhulets, lo sviluppatore di Unfold Games, tre giorni dopo aver rivelato la data di uscita di Darq Steam. "Il 30 luglio sono stato contattato dall'Epic Store, proponendomi di stipulare un accordo di esclusività con loro invece di pubblicare Darq su Steam", ha dichiarato in un post. "Hanno chiarito che il lancio di Darq non esclusivo non è un'opzione. Ho rifiutato la loro offerta prima che avessimo la possibilità di parlare di soldi".

Darq è uscito su Steam da poco e Marhulets ha detto che "probabilmente" farà meno soldi non accettando l'accordo di Epic, che includeva una garanzia di entrate minime. L'idea di "ottenere un pagamento anticipato in aggiunta alle entrate garantite suona alla grande", ma lo sviluppatore voleva mantenere la promessa per i giocatori, che si aspettavano di acquistare il gioco su Steam.

"Rifiutare l'offerta di esclusività di Epic potrebbe essere stata una decisione sciocca a breve termine, considerando la quantità di denaro che avrebbe potuto essere coinvolto. Quando si pensa a lungo termine, tuttavia, questa è stata una decisione facile e ovvia da prendere (nel mio caso)."

atzYdKXhFhSn6pUeKaxAjU_650_80

"Il ritiro del gioco da Steam pochi giorni dopo l'annuncio della data di uscita rovinerebbe per sempre la credibilità del mio studio. Vorrei che i miei clienti avessero fiducia nel fatto che la mia parola significasse qualcosa, soprattutto quando parlavo di un annuncio cruciale come la data / piattaforma di lancio."

"Volevo dare ai giocatori quante più opzioni possibili", ha detto: lo sviluppatore sta vendendo il gioco anche tramite GOG, per esempio. "Vorrei che Epic Store consentisse di vendere i giochi indie non esclusivamente sul loro store, come fanno con i giochi più grandi, ancora inediti, in modo che i giocatori possano godere di ciò che vogliono: dare, quindi, una scelta."

Marhulets ha sottolineato che "non sta parlando a nome di altri sviluppatori" e che per alcuni studi che accettano un accordo di esclusiva Epic potrebbe essere il miglior piano a lungo termine. "Ogni studio indipendente ha una storia unica e deve affrontare una serie unica di ostacoli. Le ragioni sono solo mie. Rifiutare tale offerta è sembrato giusto per il mio gioco, ma potrebbe non essere giusto per altri giochi / studi, come i loro obiettivi e piani a lungo termine potrebbero differire dai miei".

Che ne pensate?

Fonte: PCGamer.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Nuovi dettagli per il multiplayer di Death Stranding: i giocatori potranno trasformare il terreno e costruire strade

Hideo Kojima svela nuove interessanti informazioni sulla componente multiplayer.

Outer Wilds è in arrivo anche su PS4?

L'apprezzato gioco di Annapurna e Mobius Digital classificato in Corea.

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza