La promessa di Obsidian: con The Outer Worlds i "giochi buggati" dello studio saranno solo un ricordo

La compagnia ha una reputazione di "creatori di giochi buggati" che appartiene al passato.

Obsidian ha trascorso gli ultimi mesi a concentrarsi sull'eliminazione di bug in The Outer Worlds, secondo la narrative designer Megan Starks.

In precedenza il design director di Obsidian Josh Sawyer aveva affermato che aver usato più tempo per lo sviluppo (a causa del fatto che non si era in balia di scadenze dei publisher) e una migliore pianificazione, poteva aiutare lo studio a perdere la sua reputazione di compagnia che realizza "giochi con bug".

"Con Pillars 1 e Deadfire, non avevamo il controllo sulle tempistiche di pubblicazione", disse a giugno. "In entrambi i casi abbiamo deciso noi di posticipare le uscite dei nostri titoli e ciò fa una grande differenza".

"Non siamo dei totali idioti", ha aggiunto. "Sappiamo di avere una reputazione per i giochi con bug. E nonostante alcuni siano una conseguenza ovvia se si sviluppano grandi RPG, è interesse nostro correggerli se avessimo più tempo. Purtroppo quando è il publisher a programmare una data di uscita può succedere di non essere in grado di eliminare tutti i bug".

O4dpTnYe_1024x576

Alla domanda sui commenti di Sawyer e su come The Outer Worlds stia puntando alla qualità, la Starks ha dichiarato a VGC: "penso che stesse parlando delle differenze di come stiamo operando ora rispetto al passato".

"Attualmente stiamo testando e perfezionando il gioco. Questo è stato il nostro obiettivo negli ultimi mesi".

Starks ha anche detto a VGC che la versione Switch di The Outer Worlds sembra "davvero eccitante". Nella stessa intervista, la narrative designer ha affermato che The Outer Worlds sarà un titolo adatto a i fan di Fallout, BioShock e Borderlands.

The Outer Worlds è in arrivo il 25 ottobre per PS4, Xbox One e PC. La versione Switch verrà pubblicata in un secondo momento.

Fonte: VGC.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Cyberpunk 2077 non includerà alcuna fetch quest

Il senior quest designer Philip Weber parla della filosofia dello studio dietro la progettazione delle missioni secondarie.

In Cyberpunk 2077 i genitali saranno determinati dal tipo di corpo scelto

E gli altri personaggi si rivolgeranno a V chiamandolo per nome.

In Cyberpunk 2077 affronteremo 4 diverse tipologie di quest, ecco i dettagli

Ce ne parla il senior quest designer, Philipp Weber.

ArticoloGamescom 2019: Wasteland 3 - prova

Nel nevoso Colorado post-apocalittico di inXile Entertainment.

Commenti (1)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza