Capcom ha vinto la causa contro Koei Tecmo per la violazione di alcuni brevetti

Il risarcimento si aggira su 1,5 milioni di dollari.

Koei Tecmo Ŕ obbligata a risarcire Capcom 1,5 milioni di dollari dopo che il tribunale ha confermato la violazione di due brevetti. Per la violazione del brevetto n. 3350773 (brevetto A) e del brevetto n. 3295771 (brevetto B), Koei Tecmo Ŕ stata condannata dall'Alta corte della proprietÓ intellettuale a pagare 157 milioni di Yen in danni e spese legali in favore di Capcom.

I brevetti specifici coprono una serie di dettagli, come l'importazione e lo sblocco di contenuti da un titolo pi¨ vecchio in un nuovo gioco e una tecnica di vibrazione del controller che avvisa i giocatori dei nemici vicini. Si tratta di una seconda causa sollevata da Capcom contro Koei Tecmo nel tribunale distrettuale di Osaka.

Nel 2014, Capcom ha sostenuto che sia il brevetto A che B erano stati violati da Koei Tecmo, ma il giudice aveva riconosciuto solo la richiesta di brevetto B, ordinando a Koei Tecmo di pagare 5,17 milioni di Yen (circa 50.000 dollari) in danni e spese legali. Tuttavia, l'ultima sentenza ha rilevato che entrambi i brevetti di Capcom erano stati violati.

capcom

Attraverso un comunicato, Capcom ha dichiarato: "La nostra societÓ Ŕ impegnata a migliorare l'esperienza dei clienti e ampliare l'industria del gioco, promuovendo l'uso efficace dei suoi brevetti attraverso metodi quali le licenze, pur salvaguardando le invenzioni associate a ciascuno dei suoi titoli."

Fonte: GamesIndustry

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Claudia Marchetto

Claudia Marchetto

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Sunset Overdrive Ŕ ufficialmente una IP di Sony

Il gioco fu lanciato come esclusiva Xbox One nel 2014.

Kickstarter nell'occhio del ciclone dopo il licenziamento di due organizzatori sindacali

Una ritorsione nei confronti del processo di sindacalizzazione?

Secondo le stime di un publisher le vendite dei titoli indie su Steam sono scese del 70% rispetto allo scorso anno

Ecco un'interessante analisi condotta da Mike Rose, director del publisher indie No More Robots.

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza