Il CEO di Ubisoft ci spiega perché la compagnia non abbandonerà gli open world

Le parole di Yves Guillemot.

Basta guardare Assassin's Creed per vedere come sono cresciute le ambizioni di Ubisoft per i giochi open world.

Cinque anni fa, la principale uscita del quarto trimestre del publisher fu Assassin's Creed Unity, un titolo che, sebbene "aperto", era in realtà limitato a una città e (se concentrati esclusivamente sulle missioni principali) poteva essere terminato in circa 15 ore.

Nel frattempo, Assassin's Creed Odyssey dell'anno scorso si svolge in tutta l'Antica Grecia, oltre a tutte quelle isole vicine, e il tempo di riproduzione medio per i suoi utenti è di 60 ore.

Quest'anno, il titolo di punta di Ubisoft per il Q4 è Ghost Recon Breakpoint - dopo il successo di Wildlands, la prima uscita open world della serie - con due grandi avventure a seguire all'inizio del 2020 con Gods & Monsters e Watch Dogs Legion. Ubisoft è ora sinonimo di "mondi aperti", ma c'è qualche possibilità che possa mai tornare a titoli più contenuti come Assassin's Creed Unity?

"No", dice il CEO Yves Guillemot a GamesIndustry.biz. "Il nostro obiettivo è assicurarci di poter avere un Unity all'interno di un Odyssey. Se vuoi avere una storia di 15 ore, puoi averla, ma puoi anche avere altre storie".

La disparità tra Odyssey e Unity evidenzia anche come sia cresciuto l'ambito di sviluppo. Entrambi i titoli avevano una decina di studi che ci lavoravano, ma la quantità di lavoro richiesta aumenta con le dimensioni del mondo di gioco.

Tuttavia, poiché i budget sono aumentati, il prezzo per gli utenti finali rimane lo stesso - circa $ 60 per una nuova uscita. Se Ubisoft sta cercando di creare mondi più grandi e migliori, questo modello risulta sostenibile?

"È sostenibile, perché il mondo è grande e il numero di giocatori che possono giocare ai nostri giochi è immenso", afferma Guillemot. "Quello che abbiamo visto negli ultimi anni è il numero di giocatori che giocano ai nostri giochi in costante crescita".

"Nuovi mercati si stanno aprendo e i giochi vivono molto più a lungo di prima. Quindi al momento vediamo che possiamo continuare ad aumentare gli investimenti perché sappiamo che possiamo avere un ritorno".

Inoltre, questo aiuta Ubisoft a monetizzare dopo il lancio con qualcosa di più della pubblicazione occasionale di DLC. Sia Assassin's Creed Origins che Odyssey vendono oggetti di gioco e booster, Far Cry 5 e New Dawn hanno un sistema di valuta virtuale per aiutare ad accelerare i progressi, e senza dubbio lo stesso sarà per Breakpoint e Legion.

Le microtransazioni e le loot box, inoltre, si sono dimostrate molto controverse nei giochi AAA, eppure Ubisoft sembra aver subito meno contraccolpo rispetto, ad esempio, ad EA.

Il tempo di gioco medio di 60 ore per Odyssey dimostra che "i giocatori hanno ottenuto molto dai loro investimenti nel gioco, molto più di quanto non abbiano fatto prima".

"I nostri team non si fermano dopo aver lanciato il gioco", conclude. "Abbiamo enormi team che continuano a creare contenuti affinché i giocatori possano rimanere in quegli universi in cui amano essere. Il fatto che abbiamo alcuni giocatori che acquistano oggetti in questi giochi sta dando ai nostri team la possibilità di continuare a creare quel contenuto extra".

Che ne pensate?

Fonte: Gamesindustry.biz.

Vai ai commenti (8)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

ArticoloIl caso Rockstar Spouse e il lento cambiamento della cultura - articolo

Rockstar e molte altre aziende del settore soffrono di gravi problemi legati al crunch. Qualcosa, però, è destinato a cambiare?

'Il reveal di PS5 avverrà tra meno di 4 settimane'

Lo dichiara il creatore di God of War, David Jaffe.

Commenti (8)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza