Hideo Kojima parla delle difficoltà affrontate dopo la separazione da Konami

La fondazione di Kojima Productions non è stata esattamente una passeggiata. 

Nel dicembre 2015, Hideo Kojima ha annunciato che stava creando il suo studio, Kojima Productions. Aveva anche stretto un accordo con Sony. Sembrava tutto così facile, ma lo è stato davvero? A quanto pare, no.

In un'intervista con Famitsu, Kojima ha parlato delle difficoltà che ha incontrato nella creazione del suo studio.

"Sono passati tre anni e nove mesi", ha detto Kojima a Famitsu. "A quel tempo, avevo 53 anni. È un'età in cui dovresti ritirarti, giusto? I membri della mia famiglia erano contrari all'idea [di creare un nuovo studio]. Ero un uomo di mezza età di 53 anni, non avevo abbastanza soldi ed ero solo io a dire che avrei fatto questo gioco open-world". Certo, Kojima avrebbe potuto avere i soldi, ma probabilmente non abbastanza per finanziare i tipi di progetti a cui era abituato.

Secondo Kojima, c'erano dei dubbi sul fatto che qualcuno pensasse che il gioco sarebbe stato buono. "La ragione di ciò è che ci sono stati pochi game designer di fama mondiale che abbiano avuto successo dopo aver scelto la "carriera solista"."

Ci sono stati esempi di sviluppatori che hanno creato i loro studi e hanno avuto successo; tuttavia, la maggior parte falliscono.

La creazione di Kojima Productions non è stata una passeggiata, soprattutto perché siamo in Giappone, un paese che spesso può complicare cose apparentemente facili.

"Anche quando sono andato in banca, non ho potuto prendere in prestito denaro", ha continuato. "Hanno detto:" Sappiamo che sei famoso, ma non hai alcun risultato reale. "Questo è il tipo di paese che è il Giappone."

Può essere abbastanza difficile ottenere un prestito in Giappone, soprattutto se non si lavora per una grande azienda. Kojima era da solo a questo punto, quindi finanziare il suo studio in modo da poter ottenere un ufficio in affitto e assumere personale poteva essere più difficile del previsto. Inoltre, realizzare giochi Metal Gear era costoso e richiedeva molto tempo. Questi giochi sembrano sempre aver fatto meglio al di fuori del Giappone. Tutto ciò potrebbe spiegare la riluttanza da parte di questo istituto finanziario.

"Ma poi, c'era un banchiere presso la più grande banca [in Giappone] che era un mio grande fan, e ho ottenuto il finanziamento."

https___hypebeast.com_image_2019_05_hideo_kojima_talks_konami_closure_death_stranding_001_1

Per dare fiducia alle famiglie dello staff che stava assumendo, Kojima voleva creare lo studio in un bel palazzo. In questo modo mariti e mogli dei suoi dipendenti sarebbero stati meno inclini a preoccupazioni. Ma di solito, ogni volta che trovava un buon edificio, alla fine gli veniva chiesto: "Cos'è Kojima Productions?"

In Giappone, Kojima non è famoso come qualcuno come Hayao Miyazaki, quindi sembra che molti proprietari non abbiano familiarità con la precedente iterazione dello studio e il suo lavoro. Ma alla fine ha avuto ancora una volta la fortuna di trovare un fan ed è stato in grado di trasferirsi nella posizione attuale dello studio.

Infine conclude, "il motivo per cui sono quello che sono ora è grazie ai 30 anni trascorsi in Konami", ha detto Kojima a Famitsu. "Sono grato a Konami e non posso negare questa connessione."

Che ne pensate?

Fonte: Kotaku.

Vai ai commenti (4)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (4)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza