Layton's Mystery Journey: Katrielle e il complotto dei milionari - Edizione Deluxe - recensione

Le indagini proseguono su Switch

Sappiamo benissimo che molti di voi sono ancora impegnati nella caccia ai fantasmi in compagnia di Luigi. Non appena però avrete disinfestato l'Hotel Miramostri vi consigliamo di mettere nella lista della spesa questa riedizione dello spin-off del Professor Layton, uscito originariamente sull'ormai agonizzante Nintendo 3DS poco più di due anni fa. Se all'epoca ve lo siete perso, cosa molto facile viste le scarse vendite raggranellate nel nostro paese, è bene fare un piccolo ripasso della trama.

L'intraprendente figlia del Professor Layton, Katrielle ha deciso di mettersi in proprio aprendo un'agenzia investigativa nel cuore di Londra, città che da sempre è culla di misteri irrisolti. Il fiuto investigativo non gli manca, d'altronde buon sangue non mente, ma forse neanche lei avrebbe immaginato di imbattersi in un cane parlante come cliente, un cane parlante che ha perso la memoria per giunta. È proprio con questo buffo incipit che hanno inizio le avventure di Katrielle e il suo assistente Ben, che li porteranno in lungo e in largo per la City alla ricerca di indizi, segreti e del celebre padre, che nel frattempo sembra scomparso nel nulla.

Come in tutti i giochi della serie Layton, il gioco è diviso in capitoli farciti di enigmi più o meno nascosti. La maggior parte vi verranno messi di fronte dai numerosi personaggi che incontrerete, uno meglio caratterizzato dell'altro, ma alcuni dovrete cercarli in giro "cliccando" sulle schermate che si susseguiranno con il procedere della storia. Poter giocare su Switch rende questa operazione molto più semplice grazie allo schermo nettamente più ampio e ai controlli touch, ma nel caso decidiate di giocare con la console in modalità docked potrete comunque usufruire di un cursore abbastanza comodo da usare.

Un fine e delicato umorismo pervade ogni secondo dell'avventura, ma non fate l'errore di pensare a Layton's Mystery Journey come ad un gioco per bambini. Le prove d'arguzia a cui sarete chiamati saranno abbastanza semplici all'inizio, ma con l'andare del tempo i puzzle si faranno più complessi e in più di un'occasione sarete tentati di chiedere un aiuto. Vi verrà dato sotto forma di suggerimenti, che ovviamente non saranno gratuiti quindi pensateci bene prima di sprecarne uno... la soddisfazione di arrivare alla soluzione da soli è impagabile ed è l'anima stessa di questo gioco.

Se state pensando che Katrielle non sia un personaggio all'altezza dell'ormai arci-noto Professore evidentemente non la conoscete ancora. La "piccola" (ma non chiamatela così perché lo odia) è giovane ma ha già un caratterino niente male e sopperisce all'inesperienza con la sua verve a volte fin troppo irruenta. Il padre amava analizzare e razionalizzare qualsiasi cosa, agendo poi con la massima calma, Katrielle invece è una scheggia impazzita che non sta ferma un attimo e non risparmia battute a nessuno... compreso il capo della polizia. Possiamo assicurarvi che l'amerete e anche voi inizierete a desiderare un nuovo capitolo della Layton Family che riunisca padre e figlia.

Layton_04
Il finale del gioco è unico, ma la quantità di dettagli che vi verranno svelati dipenderà da quanto siete stati abili.

Fin dai primi mesi di vita del Nintendo Switch si è parlato dei titoli multipiattaforma che arrivavano sulla console come di giochi con quel qualcosa in più, rappresentato quasi sempre alla possibilità di giocare "in mobilità". Questa volta non possiamo farlo in quanto sia quella caratteristica che i controlli touch erano già presenti nella versione 3DS. Quali sono quindi le novità che questa Deluxe Edition mette in tavola per convincerci all'acquisto? In termini contenutistici abbiamo 40 enigmi nuovi di zecca che si vanno ad aggiungere agli oltre 500 presenti nella versione 3DS. Sono indovinelli, quiz e rebus slegati dalla storia, che potrete scaricare gratuitamente a partire dall'8 Novembre con cadenza giornaliera dall'eShop Nintendo. Come nel titolo originale ogni singolo enigma risolto sarà accessibile separatamente e potrete divertirvi a sottoporre quelli più complicati ad amici, parenti, perfetti sconosciuti, cani, gatti e anche qualche marsupiale che passa nelle vicinanze.

Tecnicamente parlando il salto da una console portatile di modesta potenza ad una macchina ibrida ben più performante si vede eccome. I filmati d'intermezzo hanno ora una risoluzione maggiore che li rende estremamente piacevoli sia in modalità portatile che docked, lo stesso dicasi dell'interfaccia e delle schermate di gioco, che hanno subito un'opera di ristrutturazione praticamente perfetta. Anche la colonna sonora è stata completamente rimasterizzata e sottolinea ancora una volta in maniera simpatica e puntuale le diverse situazioni che si susseguono su schermo. Forse tutto questo non basta per convincere i giocatori che all'epoca acquistarono il gioco sul piccolo portatile Nintendo a prendere nuovamente in mano l'avventura di Katrielle per una seconda run, ma è sicuramente un motivo in più per prendere in considerazione l'acquisto di questa versione Switch.

7 /10

Leggi la nostra guida al punteggio

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Daniele Cucchiarelli

Daniele Cucchiarelli

Redattore

Lavora nel giornalismo videoludico da oltre 11 anni. Anche se tutti quelli che lo conoscono gli hanno consigliato di "trovarsi un lavoro serio", resta sempre fedele al suo primo amore.

Contenuti correlati o recenti

What The Golf? - recensione

Una follia perfetta per chi odia il golf.

Trine 4: The Nightmare Prince - recensione

La magia non è andata persa.

Etherborn - recensione

Un bel gioco dura poco e fa girare la testa.

Untitled Goose Game - recensione

Semplicemente, un'oca che decide di rovinare le giornate di un po' di persone a caso.

Ghost Giant - recensione

La ricetta per superare la depressione è restare uniti.

Articoli correlati...

Luigi's Mansion 3 - recensione

Occhio a non incrociare i flussi!

Manifold Garden - recensione

Le mille facce di un enigma architettonico.

The Sojourn - recensione

Shifting Tides ci dà i mezzi per viaggiare, ma la vera meta è la scoperta di noi stessi.

Commenti (0)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza