Wasteland 3: Microsoft non ha cambiato il tipo di gioco che stava realizzando inXile

L'acquisizione da parte del colosso di Redmond non ha modificato l'idea di base degli sviluppatori.

Quando Microsoft è entrata nel vortice della folle acquisizione di studi, ha trovato una nuova casa anche agli sviluppatori di Wasteland, inXile. L'acquisizione è avvenuta nel mezzo dello sviluppo di Wasteland 3.

Molti fan si preoccupano sempre quando uno sviluppatore o uno studio vengono acquisiti da una grande azienda, perché c'è sempre il pericolo che perdano la loro "voce in capitolo" sul gioco, ma sembra che inXile non abbia subito questo destino.

Parlando con Gamesradar, Brian Fargo, fondatore di inXile Entertainment, ha affermato che Microsoft non ha provato a cambiare il gioco che stavano realizzando. In realtà, ha detto che la compagnia li ha incoraggiati a continuare a creare il miglior gioco possibile.

"Microsoft ci ha detto: "fai quello che stai facendo e fallo meglio di prima". Non vogliono cambiare questo gioco. Vogliono che InXile sia eccentrico e unico; vogliono che Wasteland 3 abbia un umorismo oscuro, vogliono solo renderlo un gioco migliore - è stato davvero emozionante essere coinvolti."

wasteland_3_768x432

Non è la prima volta che uno studio afferma che Microsoft è più un aiuto che un "peso". Resta da vedere se il colosso di Redmond diventerà più "invasivo" con le sue nuove proprietà in futuro, ma per Wasteland 3 sembra che inXile abbia ancora la sua libertà.

Wasteland 3 arriverà il 19 maggio 2020.

Che ne dite?

Fonte: Gamingbolt.

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza