'Fortnite e i giochi di questo tipo sono uno strumento del demonio'

Lo afferma l'esorcista Antonio Mattatelli.

I videogiochi tornano al centro delle polemiche dopo le recenti affermazioni dell'esorcista Antonio Mattatelli che, nel corso della trasmissione radiofonica di Radio Due, I Lunatici, si è scagliato contro Fortnite e i prodotti videoludici di questo tipo.

Antonio Mattatelli ha detto, senza mezzi termini, che "Fortnite e i giochi di questo tipo sono uno strumento del demonio". Un'affermazione che ha fatto rientrare in un discorso più ampio.

L'esorcista, ha inizialmente parlato di come la società e i giovani siano ormai "schiavi" della materialità, profetizzando l'arrivo della "fine del mondo come lo conosciamo":

"Ormai contano solamente il successo economico e materiale. La fine del mondo come lo conosciamo sta arrivando. Non esistono più valori, rimane solo l'individuo e la sua materialità.", ha detto.

cen_exorcistclaim_01_iloveimg_resized

Passando ai videogiochi, Antonio Mattatelli afferma che i giovani sono ormai incollati a giochi e smartphone. Da qui l'accusa a giochi e applicazioni come Fortnite che, secondo l'esorcista, causano un'alienazione dal mondo reale.

"Nella nostra testa nasce un meccanismo che ci isola e ci porta a preferire contatti virtuali rispetto a quelli reali, la nostra mente si abitua a certi piaceri, è come una dipendenza. Fortnite e giochi di questo tipo sono uno strumento del demonio in questo senso".

Che ne pensate?

Fonte: Dagospia.

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Game Gear Micro annunciato da SEGA: le mini console celebrano i 60 anni della compagnia

Prezzo, varianti, giochi inclusi, data di lancio e tutti i dettagli.

Nintendo colpita dalle proteste in USA: in frantumi le vetrine dello store di New York

Continua la protesta sociale dopo la tragica morte di George Floyd.

SEGA spegne 60 candeline! Al via le celebrazioni per il sessantesimo anniversario

La compagnia inizia i festeggiamenti su Twitter, in attesa dell''annuncio bomba'.

Articoli correlati...

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza