Videogiochi e pianeta: qual è l'impatto ambientale dell'industria del gaming?

Lo studio di un ricercatore australiano punta a fare luce.

Il ricercatore Dr. Ben Abraham della University of Technology di Sydney, per un suo studio ha chiesto agli sviluppatori di giochi di partecipare come parte di un nuovo progetto di ricerca che mira a "creare un'istantanea dell'intensità energetica dello sviluppo di videogiochi contemporanei nei luoghi di lavoro in cui i giochi sono effettivamente realizzati".

Per fare questo, Abraham è alla ricerca di informazioni di prima mano dagli studi di sviluppo dei giochi in merito alle loro politiche e pratiche sulle emissioni di carbonio. Oltre a quel tipo di dati numerici, lo studio è alla ricerca di intervistati che parlino degli "atteggiamenti degli sviluppatori di giochi nei confronti dei potenziali impatti ambientali del loro lavoro". Il sondaggio chiede agli sviluppatori di discutere il loro livello di interesse e preoccupazione per i cambiamenti climatici e le emissioni di carbonio che vengono create dall'industria.

"Questa ricerca è stata condotta per scoprire il consumo di energia e le emissioni di carbonio associate della produzione di giochi digitali sia nei singoli luoghi di lavoro sia nell'intero settore", si legge in una riga dell'indagine. "La ricerca mira a scoprire cosa stanno facendo gli sviluppatori di giochi per ridurre il loro impatto ambientale al fine di informare le future ricerche e decisioni politiche che mirano a supportare pratiche di sviluppo di giochi sostenibili". Abraham ha affermato che gli sviluppatori possono prendere parte al sondaggio senza identificare se stessi o il proprio datore di lavoro, sebbene abbia aggiunto che potrebbe non essere sempre possibile proteggere l'identità dei partecipanti.

ing

Alcune aziende stanno già provando a ridurre il loro impatto ambientale: Microsoft ad esempio sta producendo 825.000 console Xbox ad emissioni zero come parte di un programma pilota che rappresenta le prime console di gioco della storia a portare quella designazione. Per quanto riguarda Sony, la società ha affermato che PlayStation 5 sarà più rispettosa dell'ambiente.

Fonte: GameSpot

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Claudia Marchetto

Claudia Marchetto

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Il Motorola Razr pieghevole da 1.500 dollari ha una data di uscita

Lo smartphone arriverà inizialmente negli Stati Uniti.

Nintendo Switch Pro arriverà prima della fine del 2020? Spuntano nuovi possibili dettagli

Nvidia e Nintendo starebbero lavorando a un chip personalizzato per l'ipotetica console "potenziata".

Articoli correlati...

Nintendo Switch Pro arriverà prima della fine del 2020? Spuntano nuovi possibili dettagli

Nvidia e Nintendo starebbero lavorando a un chip personalizzato per l'ipotetica console "potenziata".

Tencent acquisirà Ubisoft nel 2020?

La possibile mossa del colosso cinese.

I creatori di TikTok vorrebbero sviluppare videogiochi secondo un report

Una scelta dettata dal grande numero di utenti che utilizzano l'app a livello mondiale.

Digital FoundryRiuscirà Microsoft a offrire delle vere esperienze next-gen senza rinunciare a supportare Xbox One? - articolo

Xbox Series X non avrà esclusive al lancio: cosa dovremmo aspettarci dai titoli first-party cross-gen?

Commenti (1)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza