Sony salterà l'E3 2020 a causa di 'conflitti' e 'disaccordi' con l'ESA?

Questo sarebbe il motivo per cui l'azienda e PS5 non saranno presenti all'evento di Los Angeles.

L'ESA ha pubblicato una dichiarazione ufficiale dopo l'annuncio dell'assenza di Sony al prossimo E3 2020, che mancherà così per il secondo anno consecutivo una delle più grandi fiere dedicate ai videogiochi.

La Entertainment Software Association, responsabile dell'organizzazione dell'Electronic Entertainment Expo, ha condiviso una nota in cui sottolinea i suoi piani per rendere l'E3 2020 "uno spettacolo emozionante e ad alta energia con nuove esperienze, partner, spazi espositori, attività e programmazione."

Curiosamente, l'ESA non menziona mai direttamente né Sony né PlayStation, nonostante il proprietario della piattaforma giapponese abbia fatto i nomi di E3 e ESA nella sua dichiarazione in cui ha sottolineato che ha "grande rispetto" sia per l'evento che per l'organizzazione, di cui fa ancora parte.

"L'E3 è un evento esclusivo che celebra l'industria dei videogiochi e mostra le persone, i marchi e le innovazioni che ridefiniscono l'intrattenimento amato da miliardi di persone in tutto il mondo", ha affermato l'ESA. "L'E3 2020 sarà uno spettacolo emozionante e ad alta energia con nuove esperienze, partner, spazi per gli espositori, attività e programmazione che intratterranno allo stesso modo i partecipanti nuovi e veterani."

I membri della stampa, in particolare Jason Schreier di Kotaku, hanno sottolineato nelle ultime ore che l'evento ha perso di interesse anno dopo anno, mentre l'ESA ribadisce che "l'interesse degli espositori sta guadagnando l'attenzione dei marchi che vedono l'E3 come opportunità chiave per connettersi con i fan dei videogiochi in tutto il mondo".

Schreier ha anche riferito ciò di cui ha sentito parlare l'anno scorso, quando Sony disse che non avrebbe partecipato all'E3, cose che il giornalista ritiene siano ancora rilevanti per la mancata partecipazione all'edizione 2020.

"Una bella notizia che ho sentito l'anno scorso era che il motivo principale di Sony per saltare l'E3 era il disaccordo / la tensione / il conflitto con l'ESA, che è probabilmente anche il fattore trainante di quest'anno", ha detto il giornalista.

Guardando i numeri, la posizione di Sony non è difficile da capire, poiché l'E3 2019 è riuscito ad attirare solo circa 66.000 partecipanti mentre altri spettacoli simili in tutto il mondo si sono rivelati molto più grandi: la Gamescom ha registrato circa 373.000 partecipanti l'anno scorso.

Come l'anno scorso, Microsoft non ha perso l'occasione di dichiarare, poche ore dopo l'annuncio di Sony, che è ancora pienamente impegnata nell'E3 2020 e non vede l'ora di parteciparvi con la sua solita conferenza stampa, che servirà come occasione per rivelare maggiori dettagli su Xbox Series X.

La strategia di PlayStation per la rivelazione completa di PS5 deve ancora essere svelata. Probabilmente bisognerà attendere un evento privato nel mese di febbraio che, analogamente al PlayStation Meeting del 2013 per PS4, dovrebbe rivelare dettagli come il design della console e del DualShock 5.

Che ne pensate?

Fonte: Gamepur.

Vai ai commenti (0)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

PS5: secondo Jim Ryan il costo dello sviluppo dei giochi next-gen potrebbe aumentare leggermente

La grafica ultra dettagliata potrebbe comportare un aumento dei costi di produzione per il CEO di SIE.

'I videogiochi in formato fisico spariranno entro due o tre anni'

David Braben, CEO di Frontier, sostiene che il COVID-19 abbia accelerato il passaggio al digitale.

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza