Cyberpunk 2077: crunch inevitabile per terminare il gioco ma le condizioni non sarebbero dure come ai tempi di The Witcher 3

Uno sviluppatore di CDPR avrebbe spiegato a uno YouTuber l'attuale situazione nello studio. 

CD Projekt Red affronterà periodi di crunch per finire l'atteso Cyberpunk 2077, ma le condizioni non sarebbero così dure come ai tempi dello sviluppo di The Witcher 3, si afferma in un nuovo report.

Cyberpunk 2077 doveva arrivare il 16 aprile 2020. All'inizio di questa settimana, lo sviluppatore ha annunciato il rinvio del gioco perché la sua "scala e complessità" richiedono del tempo extra. Cyberpunk 2077 è "completo e giocabile", ma la società vuole che sia praticamente perfetto. Di solito, i rinvii significano meno pressione sul team . Tuttavia, il CEO Adam Kicinski ha ammesso che il crunch sarà ancora una realtà per i dipendenti di CD Projekt Red.

"In una certa misura, sì, a dire il vero. Cerchiamo di limitare il più possibile il crunch, ma è la fase finale. Cerchiamo di essere ragionevoli in questo senso, ma sì. Sfortunatamente sarà così", ha detto Kicinski. La società non assumerà sviluppatori esterni per fornire assistenza in questi "mesi preziosi" prima del lancio. Questa è stata un'ammissione deludente, poiché il crunch può creare problemi di salute fisica e mentale ai dipendenti del settore. Lo YouTuber MadQueen afferma di aver ottenuto una storia da uno sviluppatore di CD Projekt Red che spiega la situazione nello studio.

"È un po' vero quello che Adam e Marcin stanno dicendo. In questo momento, siamo in "modalità crunch", tuttavia non è così male come prima", ha detto la fonte. "Ai tempi di The Witcher 3 tutti dovevano rimanere e lavorare indipendentemente dal fatto che avessero delle cose da fare. Ogni team sperimenta il crunch in modo diverso, con i quest designer sotto una maggiore pressione per rendere il gioco divertente". I dipendenti "alla fine della pipeline" - che lavorano sull'audio del gioco, per esempio - hanno meno tempo per fare il loro lavoro se il tempo viene "sprecato" in precedenza.

f83076c7_d9c9_4c26_8134_638e35f3ef94_Cyberpunk_2077_Dev_Diary_Asks_Players_to_Discover_Who_They_Are_1

"La situazione in studio ora è molto lontana dai tempi oscuri dell'ultimo anno di The Witcher 3", conclude la fonte. "Non siamo ancora del tutto in questa sutuazione, ma mi aspetto che ci saranno sempre persone che lavoreranno di più a causa di un mix di scadenze e grandi ambizioni". L'identità di questo sviluppatore è stata mantenuta segreta.

Naturalmente, non si può confermare la veridicità di questa storia di un presunto membro del team di Cyberpunk 2077. Tuttavia, il crunch di CD Projekt è ben documentato. Il boss dello studio John Mamais ha detto in proposito: "ci sono molte persone che entrano nel settore e sono giovani; non capiscono davvero cosa serve per fare un grande gioco", ha detto Mamais nel 2019. "Quindi arrivano un sacco di nuovi ragazzi che entrano, e dicono: "Oh dio, questo è troppo." Ma poi abbiamo altri ragazzi che arrivano da Rockstar Games e dicono "Questo non è nemmeno uno scherzo!".

Che ne pensate?

Cyberpunk 2077 uscirà su PC, PlayStation 4 e Xbox One il 17 settembre 2020.

Fonte: Videogamer.

Vai ai commenti (6)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (6)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza