Fortnite diventa ufficialmente uno sport nelle scuole superiori e nei college USA

Epic ha stretto una partnership con PlayVS.

Epic Games ha stretto una partnership con PlayVS per portare la competizione di Fortnite alle scuole superiori e nei college USA.

PlayVS, una startup con sede a Los Angeles, è in prima linea nella legittimazione degli eSport a livello di scuola superiore e collegiale. Hanno collaborato con gli sviluppatori di Rocket League e League of Legends. Ora, Fortnite è stato aggiunto al loro elenco ufficiale di giochi.

PlayVS ha lavorato con l'NFHS per portare gli eSport nelle scuole superiori di tutta la nazione.

La partnership con Epic Games è stata un passo importante per l'organizzazione in quanto continuano a legittimare gli eSports in questo modo. Questo segna anche la prima volta per PlayVS nel mondo dei college.

Ogni settimana, a partire dal 26 febbraio, i giocatori inizieranno una prova di otto settimane per diventare la squadra migliore della loro istituto.

Alla fine delle otto settimane, le migliori squadre di ogni regione passeranno alle finali. Le squadre avranno tempo fino al 17 febbraio per iscriversi alla competizione.

PlayVS_Fortnite_2020

Fortnite ha una scena competitiva notoriamente giovane. L'età media alla Coppa del Mondo era di 16 anni.

La maggior parte dei giocatori presenti alla competizione frequentava ancora il liceo, quindi il passaggio di Epic alle scuole superiori e ai college avrebbe senso.

Che ne dite?

Fonte: Fortniteintel.

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Assassin's Creed Valhalla avrà un sistema di progressione diverso per evitare il grinding selvaggio

Il creative director, Ashraf Ismail, promette una piccola rivoluzione.

The Last of Us: Parte II risplende nel fantastico approfondimento e video gameplay targato State of Play

Tra stealth, azione brutale e sopravvivenza. Un assaggio di un possibile capolavoro.

Ghost of Tsushima si ispira al primo splendido Red Dead Redemption

Sucker Punch ammette di aver preso spunto anche da Zelda: Breath of The Wild.

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza