Nintendo PlayStation: partita ufficialmente l'asta per aggiudicarsi la console unica al mondo

Quasi 50mila dollari per il figlio mai nato di Sony e Nintendo.

La Nintendo Play Station, la leggendaria console creata in quel momento della storia dove Sony e Nintendo stavano quasi per unire le forze, finirà presto fra le mani di qualche fortunato riccone.

Nella giornata di oggi, infatti, il sito Heritage Auction, ha fatto partire la vendita all'asta per l'hardware in questione e, come potete vedere voi stessi a questo indirizzo, le cifre che stanno girando in questo momento sono abbastanza elevate. Nel momento in cui scriviamo, l'offerta più alta per la Nintendo Play Station è di ben 48.000 dollari, cosa che la rende uno degli articoli videoludici più rari e costosi, ma ce lo aspettavamo, dato che stiamo parlando di un modello unico al mondo.

Il proprietario originale della Nintendo Play Station era Terry Diebold, il quale ne entrò in possesso quasi per caso, dopo aver vinto ad un'asta le proprietà abbandonate di un ex dirigente Sony. Dato che vennero prodotte solo un centinaio di unità, la maggior parte delle quali (se non tutte) distrutte, il modello in possesso di Diebold è sicuramente un pezzo unico che vale ogni singolo centesimo offerto in questi minuti.

Per dovere di cronaca segnaliamo che, nel caso vogliate partecipare all'asta, potete avanzare offerte da 500$ in su e che, nel caso vi aggiudichiate la console, dovrete sborsare anche un 20% extra. Un buon investimento se non siete interessati al 4K.

Cosa ne pensate? Secondo voi fino a che cifra potrà arrivare questa console mai nata?

Fonte: Gamespot

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Marcello Ruina

Marcello Ruina

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Dreams - recensione

Una tavolozza magica per dare sostanza ai sogni.

Attacco Posteriore Tasti - recensione

Sony strizza l'occhio ai pro-gamer con un dispositivo di compromesso.

E3 2020: Geoff Keighley non ci sarà e non condurrà l'E3 Coliseum

"Non vedo l'ora di supportare il settore in altri modi", questa la sua dichiarazione.

Commenti (1)

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza