'La CPU di PS5 e Xbox Series X avvicinerà le console al PC e permetterà di creare grandi cose'

Lo afferma il CEO di Brok3nsite, Antonio Manuel García Ceva.

PS5 e Xbox Series X arriveranno durante la stagione delle vacanze natalizie e sappiamo già qualcosa per quanto riguarda le loro specifiche. Oltre a presentare unità a stato solido, entrambe le console sono progettate per supportare il ray-tracing e dispongono di una CPU AMD Zen 2. Tuttavia, dobbiamo ancora scoprire l'impatto di queste specifiche sui giochi.

Il CEO di Brok3nsite, Antonio Manuel García Ceva, la cui azienda ha sviluppato Dawn of Fear per PS4 ha rilasciato un'interessante intervista a Gamingbolt. A Ceva è stato chiesto cosa pensa di Xbox Series X e della sua RAM GGDR6 e quale impatto avrà sui titoli. Il CEO ha risposto che: "più memoria significa che più cose sullo schermo possono essere visualizzate. Possiamo dire che se gli attuali open world vi sembrano grandi, presto vi sembreranno piccoli."

Entrambe le console monteranno una CPU Zen 2, ma questo permetterà un grande salto generazionale? Inoltre, la CPU sarà di aiuto nello sviluppo? Ceva ha risposto: "qui entra in gioco l'esperienza dello studio. Per noi è una buona notizia. Questa potenza avvicina le console al PC e ci rende in grado di creare grandi cose."

playstation_xbox_768x432

Che ne pensate?

Nelle notizie correlate, abbiamo appreso che, secondo Digital Foundry, PS5 e Xbox Series X costeranno almeno 500 dollari.

Fonte: Gamingbolt.

Vai ai commenti (2)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella più rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (2)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza