I Am Jesus Christ sarà un open-world in cui affronteremo Satana con i nostri poteri sacri, parola del primo diario di sviluppo

A quanto pare, è tutto vero...

Siamo onesti: quando abbiamo sentito parlare per la prima volta di I am Jesus Christ, l'avventura open-world dove, nei panni di Gesù, avremmo dovuto affrontare le sfide narrate nella Bibbia, come la cura dei malati, l'esorcismo dei diavoli e la lotta contro Satana nel deserto, chi non ha pensato si trattasse di uno scherzo? In tanti, ammettetelo.

Invece, contro ogni aspettativa, I am Jesus Christ non solo esiste, ma i suoi sviluppatori promettono la presenza di ogni singolo elemento presente nell'iniziale teaser trailer, compresa la sopracitata lotta contro Satana.

Tutto questo ci è stato spiegato nel primo diario degli sviluppatori, disponibile qui di seguito, nel quale il CEO di SimulaM ci illustra il titolo in lavorazione, partendo dal modello tridimensionale del mondo di gioco. Sebbene da questo primo video, il gioco risulti ancora acerbo, I am Jesus Christ è previsto su Steam entro il 2020, quindi non ci resta che aspettare ancora un po' prima di poterne sapere di più.

Per il momento, sappiamo che Gesù avrà a disposizione una "barra dell'energia sacra" per effettuare i miracoli e che, nel corso del gioco, rivivremo i momenti chiave della sua vita, come l'Ultima Cena e la Crocifissione.

Cosa ne pensate? Secondo voi la storia di Gesù sarà raccontata fedelmente, lotta magica contro Satana a parte, oppure gli sviluppatori si prenderanno delle...libertà creative in più di un'occasione? Ma soprattutto, potendo scegliere, cosa vorreste in un gioco con Gesù?

Fonte: Youtube

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Marcello Ruina

Marcello Ruina

Redattore

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

In Animal Crossing: New Horizons è possibile fare la cacca e i giocatori ne sono curiosamente molto felici

Anche la vostra controparte virtuale ha bisogno di espletare funzioni fisiologiche, diamine!

Animal Crossing: New Horizons - recensione

Un po' Minecraft, un po' The Sims, un po' Death Stranding: ecco il ritorno del life sim più speciale che ci sia.

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza