Ricordando l'età d'oro di Dark Age of Camelot - articolo

Perdendosi nei ricordi del passato, di un gioco che tornerà più!

Non ho mai capito perché le persone corressero verso un level cap fino a quando non ho giocato a Dark Age of Camelot. Perché mai qualcuno sacrificherebbe il sonno per portare un personaggio al massimo livello? Perché avere fretta, ci arriveremo tutti ad un certo punto, no? Così rischi di rimanere a corto di cose da fare. Di non avere persone con cui giocare.

Non coglievo. Ho iniziato a capire quando mi ci son messo anche io, diventando inavvertitamente parte della cosa. Non avevo intenzione di farlo. Ho iniziato il gioco senza alcuna reale idea di cosa stavo facendo o dove stavo andando. Per me, tutto era nuovo. Ma mentre crescevo e il gioco mi avvicinava ad altre persone, ho iniziato a conoscere il mondo in generale.

Tutti sapevano che c'era una guerra. Era la premessa del gioco. Era sulla scatola. Tre regni tutti in guerra tra loro. Hibernia, il regno basato sul folklore celtico, Midgard, il regno della mitologia norrena e Albion, patria della leggenda arturiana. Nel momento in cui sono entrato nel mondo, come chierico di Albion, sapevo chi erano i miei nemici giurati, ma sarebbe passato molto tempo prima che li vedessi. La guerra era molto lontana. La mia quotidianità un grind noioso.

Un grind vecchia scuola, per l'esattezza. I progressi in Dark Age of Camelot non si basavano sull'andare in missione come in World of Warcraft. Oh no, In Camelot, livellare significava trovare il punto di spawn di un mostro e rimanere lì. Non avevi dungeons privati, quindi dovevi sgomitare per le posizioni, e i gruppi buoni erano - lo sono sempre - difficili da trovare. Quando hai trovato entrambi, ti ci aggrappi e non li molli più. Potresti trovarti a giocare nello stesso posto con lo stesso gruppo per tutto il giorno, il che offriva a tutti molto tempo per parlare.

kardinal_1
Guerra: dal punto di vista di Albion. Notare che i nemici di Midgard sono indicati per razza e rango, non per nome. Immagini per gentile concessione di Kardinal, un amico e il paladino molto nei guai in questa foto.

Le chiacchierate hanno fatto molto per Dark Age of Camelot. Grazie a loro si sono diffuse voci, leggende e fino a quando non fui in prima linea per verificarle da me, hanno alimentato la mia immaginazione. Avete sentito parlare di uno scagnozzo norvegese chiamato Rastaf? Dicono che sia già arrivato quasi al livello 50! Appare dal nulla e uccide chiunque incontri. Che figata!. E dell'incantatore lurikeen Greyswandir? Pare non dorma da tre giorni per arrivare al livello 50.

E se un giorno la gente parlasse di me in quel modo? Il mio desiderio di livellare più rapidamente è aumentato. Ma ero molto lontano. Ero circa a livello 30 e avevo già sfruttato fino all'osso il dungeon sotto Stonehenge, che ho adorato - amavo i fantasmi allampanati. Di questo passo, non avrei mai raggiunto il level cap.

Poi ho avuto il mio colpo di fortuna. Dovrei unirmi a questo gruppo di giocatori livelli 40? Erano bloccati in attesa di un guaritore. Se fossi stata una classe che infliggeva danni, non avrebbe funzionato. Non sarei stato in grado di ferire i nemici che stavano combattendo: non avrei resistito agli assalti e li avrei a malapena scalfiti se avessi provato a colpirli. Ma come guaritore poteva funzionare, forse. Certo che voglio unirmi!

Era la mia occasione per unirmi a loro senza dover stare in prima linea, e mi sono ritrovato ad esser evocato spesso da molte persone che avevano bisogno del mio supporto curativo. Tutto a un tratto ero spalla a spalla con gli eroi del nostro regno. Mi sono crogiolato in questa cosa, piacevolmente stordito dal ritmo dei progressi e dall'idea che stavo diventando uno di loro. Queste persone sono state in prima linea, mi hanno incoraggiato ad andare in prima linea. Queste persone mi hanno portato in prima linea.

Non dimenticherò mai la mia prima volta oltre il confine. Ero da solo, curioso e, dopo tutto ciò che avevo sentito, nervoso. Mi aspettavo un agguato in qualsiasi momento, ho attraversato Snowdonia sussultando a qualsiasi segno di vita. Poi una freccia mi ha colpito e mi sono cagato nei pantaloni.

Sono stato attaccato! Sono stato attaccato! Non proprio l'immagine dell'eroismo.

kardinal_2
Una linea di Albioni, probabilmente in un raid di reliquie, tutti seguendo il leader. Potrei essere lì da qualche parte!

Mi voltai e corsi tra gli alberi. Dove sono, dove sono?! Ho girato la telecamera cercandoli. Ho girato così tanto la telecamera da non accorgermi di essere finito in un campo di mostri. Mentre ero sdraiato sul pavimento, a faccia in giù, morto - un buon momento per contemplare in Dark Age of Camelot - ho guardato attraverso il mio registro di combattimento per vedere cosa era successo. Un elfo mi aveva sparato. Un elfo! Ero elettrizzato... finché non mi sono guardato intorno e ho capito che erano personaggi non giocanti, lì per rendere la zona più eccitante. Non era stato affatto un giocatore nemico. E pensare che avevo persino urlato nella chat della gilda!

Il mio primo vero assaggio di azione è arrivato in Emain Macha, la zona di guerra dell'Ibernia, che era molto verde. Io era molto verde. Emain Macha era dove tutti andavano a radunarsi alla fine della notte. Si combatteva al Muro del Miglio non lontano dal nostro portale ed era sempre il caos assoluto, difficile ottenere qualcosa di buono lì in mezzo. Tutto quello che sapevo davvero era che c'era una massa di loro dietro e sul muro, alternativamente l'iberniano o il midgardiano a seconda di chi deteneva l'altra parte - la gioia di avere tre regni. Noseman, troll, coboldi e nani; o celti, furbolg, lurikeens ed elfi. Era il pandemonio. A volte si riusciva a caricare, a volte si resisteva alle cariche, e per tutto il tempo, la gente moriva.

Quello che hanno fatto quelle prime impressioni caotiche è stato introdurre i grandi giocatori, le persone che dominano le statistiche delle uccisioni, le persone che danno gli ordini. Le leggende. Mi sono anche imbattuto nel famigerato Rastaf per la prima volta e, fedele alla leggenda, è apparso dal nulla come un fulmine. Ricordo di aver cliccato su questo nemico norvegese, vedendo il nome Rastaf e strillando. Poi ci ha preso di soppiatto, ci ha ucciso uno per uno ed è fuggito. Era come essere stato colpito dai reparti speciali- non avrei potuto essere più impressionato.

Tutto ciò mi ha spinto a salire di livello più velocemente. Dovevo arrivarci, dovevo unirmi a loro. I livelli hanno fatto la differenza. Mentre Rastaf era in vantaggio, non avrei mai potuto sperare di sfidarlo. I livelli ti rendevano forte e famoso. Ho trascorso intere giornate uccidendo foreste zeppe di alberi malvagi a Lyonesse. Era angosciosamente lento. Ma alla fine ci sono arrivato. Da essere un nessuno senza un briciolo di indizio sul mio posto nel mondo, ero diventato un livello 50 ossessionato dal traguardo.

kardinal_3
In giro con il nemico. Un momento di calma nella guerra mentre i giocatori di tutti e tre i regni vagano insieme.

Sono stato il terzo chierico sul server Percival a raggiungere il livello 50. Adesso suona ridicolo ma all'epoca ero orgoglioso. Mi è valso il rispetto tra i miei coetanei e, spero, un po' di trepidazione tra i miei nemici. Avrei voluto trattenermi sui campi di Emain Macha e ottenere il il mio nome nel feed delle uccisioni.

Immaginavo le persone che mi guardavano mentre ero inattivo sul portale verso le terre nemiche, pensando a me allo stesso modo in cui io guardavo i giocatori leggendari. Cor, guardalo. Immaginavo che le persone mi vedessero correre in giro, colpire e desiderare di essere come me, cercando una guida o una protezione durante gli assedi o le battaglie indaffarate.

Ciò che amavo più di ogni altra cosa, però, era farlo da solo. Accedere in un momento in cui tutti gli altri dormivano (essere un europeo su un server americano aveva i suoi lati positivi) e vagando per i sentieri innevati di Odin's Gate, o le colline erbose di Emain Macha, alla ricerca di gruppi di ragtag con cui litigare. Lontano dal frastuono del campo di battaglia, potevano emergere altre storie. Storie di rivalità personali e combattute ravvicinate. Storie, anche, di amicizia. Non riuscivamo a capirci - un colpo da maestro di Dark Age of Camelot era il modo in cui confondeva i discorsi dei nemici - ma potevamo indicare, inchinarci e ridere, potevamo comunicare attraverso i gesti.

È così che ho conosciuto le persone con cui ho combattuto, imparato i loro nomi, costruendo un rapporto. E ne sono rimasto affascinato. Li vedevo durante gli assedi e li individuavo, indicandoli e agitando la mano, o li vedevo sui campi di battaglia occupati, agitandomi mentre caricavo. Un'amicizia in particolare si è distinta.

È iniziata una notte mentre mi sacrificavo in un mastio nemico: era la via più veloce per tornare a casa. Mentre mi trovavo a portata, i nemici arrivarono caricando per abbattermi. Tutti, tranne uno. Un elfo si sedette sulla collina, immobile, e mentre ero travolto dagli attacchi, si alzò in piedi e agitò la mano. Sono stato colto di sorpresa. Non avevo mai visto nessuno rinunciare alla possibilità di uccidere prima di allora, non avevo mai visto nessuno fare qualcosa del genere. Rimase marchiato nella mia mente, e da quel momento gli ho sempre rivolto un cenno di saluto ogni volta che i nostri percorsi si incrociavano.

kardinal_4
Una vista da un mastio. Una piccola forza di Midgard pensa di attaccare un fortezza Albion.

Allo stesso tempo ho scoperto un forum in cui parlavano persone di tutti i regni e, attraverso di esso, un canale di chat IRC in cui erano in giro. Erano tutti lì dentro, tutte le persone con cui avevo combattuto per settimane e gesticolato - persino l'elfo sulla collina. Siamo diventati tutti amici. Ci siamo anche spostati su un nuovo server per fare una gilda lì e giocare insieme come non avremmo potuto fare su Percival. È stato molto divertente - ho dei ricordi meravigliosi - ma non è durato.

Lentamente, il gioco è cambiato. L'era dei confusionari gruppi ragtag si è conclusa e i gruppi organizzati hanno preso il loro posto. Disciplinati gruppi di gank di otto persone, come erano conosciuti, che si muovevano velocemente e decimavano qualsiasi cosa tranne gruppi ugualmente disciplinati che incrociavano il loro percorso. Mi sono allontanato.

Mi chiedo spesso se qualcuno si ricordi di me adesso, quasi due decenni dopo, o se ogni epoca successiva dipinge sull'ultima le proprie leggende. Mi son deciso a trovare una risposta, pubblicando sul gruppo Facebook di Percival un mio ricordo nebuloso. Non ero sicuro di cosa sarebbe potuto uscirne fuori, non sentivo gli altri del gruppo da anni. Sono stato solo io ad aggrapparmi ai vecchi ricordi di un gioco o alla gente importava come me?

I dubbi svanirono presto. In pochi istanti arrivarono le risposte. Sì, si ricordano, anzi! Vecchi amici e nemici uscirono fuori per condividere i ricordi a cui si erano aggrappati. I ricordi di una comunità che ha reso un gioco più della somma delle sue parti.

Prendi il Raid Alarm Clock, per esempio. Il raid che i midgardiani avevano pianificato meticolosamente. Avevano gruppi di stealther che sfrecciavano giù per le porte della nostra frontiera, quindi quando l'orda si fosse svegliata nel cuore della notte, all'ora programmata delle 3 del mattino, da qui il nomignolo Alarm Clock, gli si sarebbero riversati addosso in pochi minuti. E così fu. Ci vollero solo cinque minuti per arrivare alla nostra reliquia, e prima che potessimo asciugarci il sonno dai nostri occhi, si erano allontanati con il Fodero di Excalibur. Fu un'operazione studiata nei minimi dettagli, una spazzata perfettamente eseguita, che alimentò il nostro sforzo bellico per settimane.

È in momenti come questi che ricordo perché Dark Age of Camelot era così speciale. Abbiamo reso speciale il gioco, le persone che ci hanno giocato. È stato memorabile a causa delle guerre che abbiamo creato affinché tutti potessero partecipare, o delle rivalità che abbiamo concorso a creare. Non perché era stato aggiunto un nuovo livello di armatura o un nuovo mostro. Quello è solo contorno. Ed è per questo che penso che World of Warcraft, per quanto possa essere stato meglio per altri motivi, mancava della stessa scintilla. La magia.

E quei tempi d'oro in Dark Age of Camelot, erano magici.

clert_daoc
Sono io alle porte della terra nemica. I colori erano molto importanti. Vedo così tanti buoni amici intorno a me! Foto per gentile concessione dell'adorabile Mei.

Vai ai commenti (6)

Riguardo l'autore

Robert Purchese

Robert Purchese

Senior Staff Writer

Bertie is senior staff writer and Eurogamer's Poland-and-dragons correspondent. He's part of the furniture here, a friendly chair, and reports on all kinds of things, the stranger the better.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (6)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza