Il mercato videoludico ai tempi del Coronavirus: l'impatto della pandemia su vendite digitali, fisiche e hardware

Come Ŕ cambiato il mercato dei videogiochi durante l'emergenza COVID-19.

Report emersi durante tutta la settimana parlano di un aumento di interesse per i videogiochi mentre le persone in tutto il mondo sono bloccate a causa del Coronavirus.

Che si tratti di un forte aumento del numero di spettatori di Twitch, di un grande aumento degli utenti simultanei di Steam o di vendite sorprendenti del nuovo Animal Crossing, l'intrattenimento interattivo è diventato fondamentale in questo momento difficile.

GamesIndustry.biz ha analizzato i dati di mercato più recenti di GSD, che tiene traccia delle vendite digitali di 16 principali società di giochi in quasi 50 paesi europei, mediorientali, africani e asiatici. Tiene inoltre traccia delle vendite fisiche (hardware e software) in 17 territori, in modo da poter analizzare in che modo le misure di blocco influiscono sui mercati sia fisici che digitali.

Complessivamente in tutti i mercati monitorati, durante la settimana 12 sono stati venduti 4,3 milioni di giochi (lunedì, 16 marzo - domenica 22 marzo), con un aumento del 63% rispetto alla settimana precedente. Parte di questo è dovuto al lancio di un nuovo importante gioco di Nintendo, Animal Crossing: New Horizons, titolo popolare in diversi mercati. Ma anche con confronti omogenei, il mercato si è dimostrato ancora in crescita del 44% rispetto allo stesso periodo di una settimana prima.

Quindi le vendite di videogiochi stanno sicuramente aumentando a causa dello scoppio del virus.

In tutti i 50 mercati, 2,74 milioni di giochi dei publisher partecipanti sono stati scaricati durante la settimana 12 (lunedì, 16-22 marzo), con un balzo del 52,9% rispetto alla settimana precedente.

Questo nonostante il fatto che le vendite digitali di Animal Crossing: New Horizons e Doom: Eternal - le grandi novità della settimana - non siano incluse in queste cifre (né Bethesda o Nintendo condividono i loro download).

897773

Nei mercati che sono entrati in blocco la scorsa settimana, questo picco digitale è ancora più significativo. In Francia, che è andata "in blocco" martedì 17 marzo, il download digitale è aumentato di oltre il 180% all settimana 12 (lunedì, 16-22 marzo). La Spagna è entrata in blocco sabato 14 marzo e durante la settimana 11 (lunedì 9-15 marzo) le sue vendite digitali sono aumentate del 142,8% e poi sono aumentate nuovamente nella settimana 12 del 23,3%.

L'Italia è il paese che sta avendo il blocco più lungo, dal 9 marzo. Per la prima settimana di blocco, le vendite di download digitali sono aumentate del 174,9%. Durante la seconda settimana di blocco, le vendite di download digitali sono diminuite dell'11,7% settimana su settimana, ma questo è ancora molto avanti rispetto ai livelli normali del nostro paese.

In termini di mercati che non erano in blocco ma nella fase di "distanziamento sociale", c'è stato ancora un aumento del download digitale. Nel Regno Unito, il download digitale è aumentato del 67,4% settimana su settimana, vale a dire prima che il paese entrasse in blocco. La Germania ha visto un aumento delle vendite digitali del 60,2% e l'Australia ha registrato un aumento dei download del 26,5%.

In tutti i 17 mercati al dettaglio fisici, le vendite di giochi sono aumentate dell'82% su base settimanale a 1,58 milioni di titoli venduti durante la settimana 12 (lunedì, 16-22 marzo). Anche se sottraiamo Animal Crossing: New Horizons e Doom: Eternal dai dati, le vendite di giochi fisici sono ancora aumentate del 10,8% rispetto alla settimana precedente.

Non sorprende che i mercati che stavano praticando il distanziamento sociale, e non in pieno blocco, hanno registrato i risultati migliori. Nel Regno Unito durante la settimana 12, le vendite di giochi fisici sono aumentate del 218,2% settimana su settimana. Ciò è dovuto principalmente al lancio di Animal Crossing: New Horizons e Doom: Eternal, ma anche se non contiamo questi giochi, le vendite di giochi fisici sono ancora aumentate dell'83%.

L'Australia ha visto risultati simili, con vendite fisiche in crescita del 278,5% con Doom e Animal Crossing e l'86,7% senza. Questo suggerisce che i consumatori hanno deciso di acquistare beni fisici in preparazione dell'imminente blocco.

Nei mercati in pieno blocco, i risultati sono contrastanti. In Francia, le vendite fisiche sono aumentate del 70,2% con i dati di Animal Crossing e dell'1,5% senza il gioco. Nel frattempo, il Regno Unito ha registrato vendite più alte per la sua settimana di blocco (domenica 22 marzo - 28 marzo).

Ma un indicatore di problemi per il mercato fisico può essere visto in Spagna e in Italia. In Spagna, le vendite fisiche sono diminuite del 5,1% su base settimanale con Animal Crossing e di quasi il 50% senza il gioco.

Nel frattempo, nella settimana prima del blocco, il mercato italiano dei giochi fisici è cresciuto dell'8,4%. Le vendite durante la prima settimana di blocco (Settimana 11) sono diminuite dell'8,7%. Nella seconda settimana di blocco (Settimana 12), il dato è sceso di nuovo del 21,8%. Togliendo Animal Crossing: New Horizons, le vendite fisiche della Settimana 12 sono diminuite del 48%.

Se la tendenza di Spagna e Italia si rispecchierà altrove, i negozi potrebbero dover sostenere un calo delle vendite fino al 50% nella seconda settimana di blocco totale.

Per la settimana 12 (lunedì, 16-22 marzo), le vendite di console sono aumentate del 155% a 259.169 di macchine vendute.

Xbox_One_S_VS_PS4_Pro_VS_Nintendo_Switch_1

Queste vendite sembrano meno influenzate dalla situazione di blocco. Durante la prima settimana di blocco in Italia, le vendite console sono aumentate dell'84%. Nella seconda settimana di blocco, le vendite console sono leggermente diminuite dell'1,8%. In Spagna, durante la settimana 11 (lunedì, 9-15 marzo), quando è entrato in vigore il blocco, le vendite sono aumentate del 27,7%. La settimana successiva, le vendite sono nuovamente aumentate del 66,1%.

Durante il primo periodo di blocco in Francia, la vendita hardware è aumentata del 140,6% settimana su settimana.

In termini di paesi che praticano il distanziamento sociale, probabilmente in preparazione dei blocchi, le vendite di hardware console sono aumentate ancora di più. Nel Regno Unito, durante la settimana 11 le vendite sono migliorate del 126,6% e poi nella settimana 12 c'è stato un aumentato del 250%. In Australia, la Settimana 11 ha visto aumentare le vendite di macchine da gioco del 19,6% e poi la Settimana 12 la vendita è balzata di nuovo del 285,6%.

Tale è stato il picco di vendite di console nelle ultime due settimane che il mercato hardware console è quasi completamente tornato ad alti livelli dopo aver sofferto per due mesi gravi cali.

L'aumento delle vendite suggerisce che ora ci sono un gran numero di nuovi possessori di console a causa del blocco imposto dall'emergenza Coronavirus.

Che ne pensate di questi dati?

Fonte: Gamesindustry.biz.

Vai ai commenti (1)

Riguardo l'autore

Matteo Zibbo

Matteo Zibbo

Redattore

Appassionato di videogiochi e musica (quella pi¨ rumorosa e veloce possibile), ha un'insana passione per i GdR occidentali che gli sta condizionando l'esistenza.

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (1)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza