Borderlands 3: il game director Maxime Babin difende Randy Pitchford sulla questione bonus

Una prospettiva diversa.

Di recente diversi esponenti dell'industria videoludica hanno attaccato il CEO di Gearbox Randy Pitchford, in quanto non avrebbe pagato i bonus promessi agli sviluppatori di Borderlands 3.

Il game director Maxime Babin ha però spezzato una lancio in favore del suo collega, affermando (senza però negare le accuse) che bisogna riconoscere il coraggio da parte di Pitchford di informare lui stesso i dipendenti:

"Ho grande rispetto per ciò che ha fatto Randy, che ha dovuto affrontare la delusione dei suoi colleghi quando ha annunciato che le aspettative erano troppo alte. Avrebbe potuto scaricare la responsabilità su qualcun altro ma non lo ha fatto. E' stato un atto di fiducia ed onestà."

Babin ha poi fatto notare che all'inizio dell'anno lo stesso Pitchford ha donato il 30% dell'azienda ai dipendenti.

borderlands_3

"Torna il leggendario sparatutto, con goziliardi di armi e un'avventura oltre i confini del caos! Esplora nuovi mondi nei panni di un cacciatore della Cripta, da solo o in co-op. Sconfiggi mostri pazzeschi, recupera tonnellate di bottino e salva il tuo pianeta dalla setta più spietata della galassia." - recita la descrizione del gioco.

Borderlands 3 è disponibile su PC, Xbox One e PS4.

Cosa ne pensate?

FONTE: Lords of Gaming

Contenuti correlati o recenti

Articoli correlati...

Commenti (0)

I commenti ora sono chiusi. Grazie per avere partecipato!

Nascondi i commenti coi punteggi più bassi
Ordine
Visualizza